Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Ecco "Diodoros II": il progetto che incrementa la produzione di vino nella Valle dei Templi

Il direttore del Parco archeologico Roberto Sciarratta: "L'obiettivo è passare dalle attuali 3.500 bottiglie a circa tredici mila”

 

Nasce il progetto “Diodoros II” che, nell’area del Parco archeologico della Valle dei Templi di Agrigento, incrementa gli ettari di terreno destinati ai vigneti: dagli iniziali due si passa agli attuali cinque che, entro la fine del prossimo anno, diventeranno sei. Tra i filari delle vigne della Valle dei Templi crescono dei vitigni autoctoni come il Nero d’Avola, Nerello Cappuccio e Nerello Mascalese che danno vita al vino “Diodoros”, un prodotto di eccellenza che negli anni, si è fatto apprezzare dagli esperti del settore.

Vino, olio e dolci prodotti all'ombra dei Templi: la Valle vuole una sua Igp

Oggi, nella suggestiva sede di “Villa Aurea” il direttore del Parco archeologico, Roberto Sciarratta, e il presidente della coopertiva Cantine viticoltori associati di Canicattì hanno siglato una nuova intesa che consiste nella gestione ventennale del nuovo vigneto di tre ettari. “Lo scopo del progetto – dice il direttore del Parco, Roberto Sciarratta, – è quello di portare la produzione del vino dalle attuali tremila e cinquecento bottiglie a circa tredici mila”.

Il Parco archeologico aumenterà la produzione di vino: comprate le "Barbatelle"

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento