Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Minacce di morte al procuratore Patronaggio, il grido del sit-in: "Vogliamo legalità e trasparenza"

Alla manifestazione promossa dal coordinamento "Titano" hanno aderito diverse associazioni: scarsa invece la presenza di istituzioni e cittadini

 

“Abbiamo organizzato questo sit-in perchè i cittadini hanno necessità di chiarezza e di giustizia. Siamo qua per dire al procuratore Luigi Patronaggio che gli siamo vicini e perchè vogliamo che Agrigento esca fuori da questi tunnel, siamo stanchi e come cittadini vogliamo legalità e trasparenza”. Così Gaetano Milioto, del coordinamento per l’acqua pubblica “Titano” che ha promosso il sit-in di vicinanza al procuratore capo di Agrigento. Sit-in che s'è svolto in via Mazzini, davanti l'ingresso del palazzo di giustizia di Agrigento dove - al quinto piano - ha sede anche la Procura della Repubblica. 

Proiettile e minacce di morte per il procuratore Patronaggio e i suoi tre figli

Il prefetto: "Gesto vigliacco che fomenta un clima di tensione"

Il procuratore capo, negli scorsi giorni, ha ricevuto una lettera di minacce di morte, rivolte anche a tre dei suoi quattro figli, accompagnata da un proiettile di piccolo calibro. All’iniziativa di solidarietà, stringendo striscioni e "agende rosse" fra le mani, hanno aderito diverse associazioni. Da registrare comunque, la poca presenza di autorità e cittadini.

Da dove è stata spedita la lettera di minacce a Patronaggio? Avviata l'inchiesta

IL VIDEO. Il prefetto: "La tutela verrà rafforzata"
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento