rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024

La chiesa siciliana ai piedi della Valle, Papa Francesco: "Le trame del male si combattono con la pratica quotidiana"

Una folla di fedeli si è radunata ai piedi del tempio della Concordia per assistere alla messa concelebrata dai Pastori di Sicilia che arriva al termine della giornata dedicata al ricordo dei 25 anni dalla visita di San Giovanni Paolo II. “Ci siamo qui ritrovati – ha detto durante il suo saluto l'arcivescovo di Agrigento, don Franco Montenegro - per dare voce al dolore della Sicilia, dove la mafia tanto male ha arrecato e ancora oggi rappresenta un triste fenomeno”. Obiettivo chiaro, “scuotere le coscienze portando avanti messaggi di civiltà, vita e amore come quello di Giovanni Paolo II”.

Sotto il cielo della città, i vescovi siciliani senza paura: "Fermate la violenza"

Anche papa Francesco ha voluto dare il proprio saluto ad Agrigento, un “fraterno saluto”, per la precisione, e un incoraggiamento, a seguire il cammino tracciato da esempi positivi come quello di don Pino Puglisi. “Le trame del male – ha scritto papa Bergoglio – si combattono con la pratica quotidiana”, citando l'esempio di don Pino Puglisi.

Si parla di

Video popolari

AgrigentoNotizie è in caricamento