rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024

"Mangia e passia", Casa: "I piccoli centri sono la spina dorsale del Paese"

Quarta edizione dell'iniziativa che ha portato a Joppolo Giancaxio centinaia di visitatori interessati alla gastronomia tipica, sia siciliana che nazionale

Panelle, "cazzilli", "frascatula", "cuddriruna" ma anche panino con il lampredotto di origine toscana, per finire con un bel cannolo. Sono queste alcune delle prelibatezze che chi ha partecipato ieri sera al "Mangia e Passia", promosso da Legambiente a Joppolo Giancaxio.

Un'iniziativa, alla sua quarta edizione, che ha portato nel piccolo centro dell'Agrigentino centinaia di visitatori che oltre a "passiare" hanno mangiato, e molto. Un'opportunità per una serata diversa e per conoscere meglio non solo le tradizioni gastronomiche, ma anche un paese della nostra provincia che spesso rimane fuori da qualsiasi percorso di visita "standard", pur trovandosi a pochi minuti dalla città dei Templi.

"E' questa l'idea con cui 15 anni fa Legambiente promosse la campagna 'Voler bene all'Italia' - spiega il direttore regionale Claudia Casa - e avanzò l'idea di indire una festa nazionale dei piccoli comuni. Pensavamo che era giunto il momento di far emergere quella che è la vera spina dorsale del nostro Paese, cioè tutti i comuni al di sotto dei 5 mila abitanti, dove si conservano tradizioni, usi e costumi che ormai non si usano più e dove esiste un modo di vivere che è diverso. Per questo appuntamenti come quello di oggi consentono di realizzare bellissimi momenti di integrazione tra chi vive in grosse città e in questi piccoli territori".

Video popolari

AgrigentoNotizie è in caricamento