Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il parto casalingo di Linosa, la mamma: "Samuele aveva fretta di nascere"

Il neonato, che pesa tre chili e ottanta grammi, sta bene e nei prossimi giorni potrà tornare a casa. L’ultimo parto registrato sull’isola agrigentina era stato quello della zia materna del piccino

 

Fiocco azzurro a Linosa dove è atteso il rientro del piccolo Samuele Tuccio, tre chili e ottanta grammi di infinita dolcezza che mamma Maria Gloria, dalla sua stanza dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento, si tiene stretto al petto. Il parto non è stato facile per la giovane madre che vive sull’isola agrigentina. Samuele infatti è nato prima del previsto, e per i limiti geografici, ha emesso il suo primo vagito direttamente nella sua futura casa. A scopo precauzionale, puerpera e neonato sono stati trasferiti in elisoccorso nel nosocomio della città dei Templi ma adesso, entrambi stanno bene e non vedono l’ora di ritornare a Linosa dove ad attenderli ci sono tutti gli abitanti dell’Isola.  Ansiosi di abbracciare il piccolo Samuele sono anche il papà Gabriele e l’altro figlio della coppia che a causa delle misure di prevenzione anticovid, non hanno ancora potuto abbracciare il nuovo arrivato. 

Si torna a nascere a Linosa, non accadeva da venti anni
Si torna a nascere a Linosa, non accadeva da venti anni

 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/linosa-nascita-samuele-tuccio.html

Ad accudire Maria Gloria in ospedale, c’è mamma Concetta. Anche lei, venti anni fa, si era trovata nella stesse condizioni della figlia avendo partorito in casa la sorella minore di Maria Gloria. A  Linosa, prima di Samuele, l’ultima bambina nata fra le mura domestiche era stata proprio la zia del neonato. La piccola comunità dell’Isola attualmente ha festeggiato altri quattro parti che però, sono avvenuti negli ospedali di Agrigento e Palermo. “Aveva fretta di nascere, ma sta benissimo e gli auguro tanta felicità” - con queste parole, dette ai microfoni di AgrigentoNotizie, ci ha accolti mamma Maria Gloria. Nonna Concetta, che ha vissuto la stessa esperienza, ci ha raccontato le fasi del turbolento parto. “Ho avuto ancora più paura di quando è nata mia figlia  – ha detto nonna Concetta – perché ci siamo ritrovati in questa brutta situazione ma fortunatamente è andato tutto bene”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento