Mercoledì, 16 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Onda” ritorna in mare, tartaruga Caretta Caretta liberata a Punta Bianca

La testuggine che è stata salvata dai veterinari dopo che aveva ingerito una lenza è stata reimmessa in acqua in occasione dell'iniziativa "Puliamo Punta Bianca"

Dopo circa tre mesi di cure nel centro di riabilitazione di Palermo, i veterinari dell’istituto zooprofilattico sperimentale di Sicilia hanno liberato nel mare di Punta Bianca uno splendido esemplare di tartaruga della specie Caretta Caretta, che è stata chiamata "Onda", di circa quaranta anni di età e trentadue chilogrammi di peso. La testuggine era stata soccorsa in mare dopo aver ingerito una lenza. Presenti alla liberazione diversi bambini e i volontari dell'associazione Marevivo Onlus che  in collaborazione con l’associazione Mareamico e Urb En Pact hanno dato vita  alla giornata ecologica che li ha visti impegnati nella pulizia della spiaggia di Punta Bianca.

Punta Bianca riserva naturale? L'associazione Marevivo:"Bisogna tutelare il sito"

“La bellezza di Punta Bianca, oggi ha fatto da sfondo all’impegno civile, vedendo uniti le amministrazioni comunali di pertinenza, ma anche tante associazioni locali, le scuole  e numerosi cittadini. “La gremita  partecipazione la dice lunga sull’importanza di questo luogo - dichiara Fabio Galluzzo di Marevivo – manifestazioni come quelle di oggi possono solo arginare il problema, ma non risolvere la grande malattia del mare, ma sono di estrema importanza per l’esempio di educazione civica e impegno diffuso che esprimono, a tutto vantaggio del  territorio e della difesa della natura.”

“La coscienza  ecologica è in crescita – dichiara Claudio Lombardo di Mareamico – e ci conforta il successo dell’iniziativa  che, come poche volte prima, ha visto unita una rete numerosa e differente di portatori d’interesse locale e non. Speriamo che questo possa essere l’inizio di un vero e proprio cambiamento di atteggiamento nei confronti del bene pubblico e in particolare di quelle aree che per valenza naturalistica meritano di essere immediatamente protette.”

“Abbiamo aderito con entusiasmo a questa iniziativa e ringraziamo Marevivo per aver voluto dare il nome della nostra azienda alla tartaruga liberata – commenta il Ceo di ONDA TLC, Renato Tomasini – e che rappresenta, soprattutto in questo momento, un segnale forte di rinascita e di fiducia nel futuro. Un plauso va ai volontari che hanno ripulito la spiaggia di Punta Bianca dalla plastica e da altri oggetti inquinanti. Un gesto semplice – prosegue – che si sposa alla perfezione con la filosofia del nostro brand, una 'corporate responsibility' che prevede azioni concrete a sostegno delle fasce più deboli e fragili della società, a tutela dell'ambiente e della sostenibilità.”

Si parla di

Video popolari

“Onda” ritorna in mare, tartaruga Caretta Caretta liberata a Punta Bianca

AgrigentoNotizie è in caricamento