Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’Asp ricorda i compianti psichiatri Gatto e Randisi, Giordano: "Due figure che si sono spese fino all'ultimo"

La cerimonia di intitolazione si è svolta in mattinata nella cittadella della Salute del viale della vittoria alla presenza di colleghi e familiari dei due medici scomparsi prematuramente

 

Le  comunità terapeutiche assistite del dipartimento di Salute Mentale di Agrigento, da oggi sono associate alla memoria degli psichiatri Giannuzio Gatto e Savio Randisi. A ciascuno dei medici, scoparsi prematuramente  è stato intitolato un piano del padiglione della cittadella della Salute dove trovano assistenza i soggetti affetti da problemi psichiatrici.

Alla presenza di un nutrito gruppo di  colleghi e familiari dei due medici scomparsi, in mattinata si è svolta una toccante cerimonia commemorativa con le testimonianze, di quanti li hanno conosciuti, che hanno ne hanno ricordato le loro doti umane e professionali . L’iniziativa è stata promossa dal direttore dl modulo dipartimentale Agrigento 1, Leonardo Giordano.

"Ci piaceva ricordare due figure che – ricorda dai microfoni di AgrigentoNotizie Giordano - fino all’ultimo si sono spese e lo hanno fatto  fino a quando ne hanno avuto le forze fisiche”.

Vivo è il ricordo anche nel direttore del dipartimento di Salute Mentale, Giuseppe Provenzano: "Abbiamo condiviso – dice – tanti anni di lavoro e di organizzazione, sono stati due grandi professionisti che hanno dato molto alla psichiatria agrigentina".

A scoprire le due targhe commemorative è stato il commissario straordinario dell’Asp di Agrigento, Mario Zappia che dai microfoni di AgrigentoNotizie evidenzia: "E’ stato un momento bello ricordare due professionisti, che dalle testimonianze raccolte, hanno lasciato bei ricordi”.
In osservanza delle misure di prevenzione del rischio contagio,  tutti i presenti alla cerimonia di intitolazione, hanno indossato correttamente le mascherine di protezione,  rispetto delle regole che però non è stato ugualmente garantito per quanto riguarda il distanziamento tra il pubblico presente. 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento