Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Omicidio Teresa e Trifone, il padre della ragazza: "Dentro di noi un vuoto incolmabile"

 

Ergastolo e isolamento diurno per due anni, interdizione perpetua dai pubblici uffici, spese processuali e risarcimenti accessori. È questo il verdetto della Corte d'Assise del tribunale di Udine per Giosuè Ruotolo, il militare campano di 28 anni, unico imputato nel processo per il duplice omicidio della coppia di fidanzati Teresa Costanza, trentenne, originaria di Favara, e Trifone Ragone, uccisi a colpi di pistola nel parcheggio del palazzetto dello sport di Pordenone la sera del 17 marzo 2015.  "Devono buttare le chiavi”. È questo il commento a caldo del padre di Teresa Costanza, trentenne originaria di Favara. 

"Eravamo già preparati – ha riferito il padre, Rosario Costanza al telefono - abbiamo trovato una giuria abbastanza seria  e compente. Da un lato, siamo contenti del verdetto, dall’altro lato siamo tristi, rimane dentro di nuovo un vuoto. Questa persona non è una persona, è capace a fare tutto"

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento