rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022

"Serve assumersi la responsabilità di far avanzare la città, a cominciare dalla lotta all'inciviltà del sacchetto abusivo"

Il sindaco Lillo Firetto, nel giorno dell'Immacolata, rilancia l'invito del cardinale Francesco Montenegro: "Tornate ad impossessarvi della città, amandola"

“Tornate ad impossessarvi della città, amandola". Il sindaco Lillo Firetto accoglie e rilancia l’appello lanciato dal cardinale Montenegro nel giorno dell’Immacolata. “Serve assumersi la responsabilità di far avanzare la città, a cominciare dalla lotta all'inciviltà del sacchetto abusivo". Queste le parole del sindaco, che aggiunge: “Il Natale 2018 si apre con l’omelia del cardinale. Un invito a tutti noi agrigentini ad impossessarci pienamente della nostra città. La città non appartiene a un amministratore ma a tutti i cittadini”.

Massoneria, mafia e disoccupazione: Montenegro "tuona" contro i mali dell'Agrigentino

“La natura stessa ci spinge alla speranza. Tra poco, nonostante il pieno inverno, vedremo sbocciare i mandorli che annunciano l’avvicinarsi della stagione buona. La speranza allora può diventare la nostra storia quotidiana – queste le parole di questa mattina del cardinale –. Ogni uomo, ogni famiglia, ogni città possono risollevarsi; assieme ai fiori di mandorlo, possono spuntare risorse nuove. Basta crederci, fare rete e sbracciarsi le maniche! Anche noi possiamo essere capaci, se amiamo questa terra, invece di leccarci le ferite, di prendere decisioni che la riscattano perché rifiorisca l’economia, ci sia il lavoro, si vivano le regole della solidarietà, si cerchi il bene comune, si dica di no alla corruzione e ai giochi di interesse, si agisca insomma più positivamente”.

Il pontificale dell'Immacolata, l'arcivescovo scuote gli agrigentini: "Non si è buoni cristiani senza la speranza"

Il sindaco Firetto ha voluto poi ringraziare anche l’ex assessore Franco Miccichè per avere donato alla citta, l’albero, per il quarto anno consecutivo. “La stagione delle feste – ha detto il primo cittadino – si apre con elementi di bellezza. Un albero di Natale che racconta le luminarie siciliane. E lo si deve ancora una volta a un ex amministratore, nostro amico, che ringrazio dal profondo del cuore per l’atto di generosità che ripete di anno in anno, in diverse forme. Sarò l’occasione per avere un Natale all’insegna della solidarietà in un tempo nel quale di solidarietà ne abbiamo assolutamente bisogno”. 

Il tramonto "bacia" il nuovo albero di Natale, Miccichè: "E' un regalo alla mia gente, spero piaccia"

Video popolari

"Serve assumersi la responsabilità di far avanzare la città, a cominciare dalla lotta all'inciviltà del sacchetto abusivo"

AgrigentoNotizie è in caricamento