Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Decreto sicurezza, Firetto: "Le norme si applicano, non siamo una Repubblica delle banane"

Il sindaco smorza le polemiche dopo la sua dichiarazione, ieri, che contestava - come altri primi cittadini - il provvedimento nella parte in cui si occupa delle cittadinanze

 

Ieri aveva auspicato "soluzioni per affrontare un Decreto che si pone come violazione sostanziale dei diritti costituzionali", e molti avevano associato la posizione di Firetto a quella del sindaco Leoluca Orlando, sull'applicazione del Decreto sicurezza. Oggi il primo cittadino ribadisce le critiche al provvedimento del Governo, ma non lesina critiche ad ambi i lati del fronte.

Decreto sicurezza, Carmina: "Orlando pericoloso capopopolo" 

"Ho detto, e ripeto,  che il cosiddetto Decreto sicurezza ha per certi aspetti profili utili, che erano anche attesi e discussi con Anci nel tempo - spiega Firetto -. Sulla vicenda del diritto d'asilo, io credo ci siano profondi profili di incostituzionalità e anche con criticità di attuazione. Detto questo le norme che vengono costituite in un Paese si applicano, altrimenti se ognuno pensa che può fare lo sceriffo dentro i confini nei quali è stato legittimato con voto popolare questa diventa una repubblica delle Banane, come cantavano Dalla e De Gregori".

Firetto, tuttavia, sembra non aver mandato giù le battute di Salvini, che ha attaccato a testa bassa e irriso i sindaci che avevano annunciato la volontà di non applicare il Decreto Sicurezza, come quelli di Palermo e Napoli. "Quelle di Salvini - dice - sono battute da branda come 'la pacchia è finita' oppure 'i sindaci pensino ad assicurare i servizi ai cittadini', io dico: il Govenro ridia i soldi ai sindaci affinchè possano assicurare i servizi ai cittadini, affinché possano tappare le buche, piuttosto che fare come ha fatto questa norma di bilancio, che ha ancora una volta tolto soldi ai comuni, i quali avranno difficoltà non solo a tappare le buche ma anche a pagare gli stipendi. E' il tempo che si esca da questa tendenza ai proclami continui in vista della prossima campagna elettorale. La proposta di ieri era chiara: apriamo un confronto con il Governo e il Viminale, ed è quello che l'Anci ha chiesto e che pare verrà concesso. Le istituzioni tornino a parlarsi, altrimenti, se creiamo Guelfi e Ghibellini questo paese finirà a Guelfi e Ghibellini".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento