Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Massacrati in diretta telefonica per costringere i familiari a pagare, ecco l'odissea dei profughi

 

Il presunto carceriere - il somalo di 23 anni - è stato riconosciuto dai migranti sopravvissuti e giunti all'hotspot di Lampedusa. I migranti - tenuti sequestrati - non erano, secondo quanto emerge da quest'ennesima inchiesta, in una struttura vicina alla costa, ma in un lager dell'entroterra, quasi al limite con il Sudan.

LEGGI ANCHE: I migranti raccontano: "Cosparsi di benzina ed incendiati"

"Perché sono diverse le strutture dove gli immigrati vengono tenuti prigionieri - è stato reso noto durante la conferenza stampa del capo della Squadra Mobile, Giovanni Minardi, e del vice Vincenzo Di Piazza - prima di partire". E nei lager, dove vengono tenuti sequestrati, vengono seviziati e massacrati anche in diretta telefonica per far sentire ai familiari le sofferenze dei propri cari e dunque costringerli a pagare. Perché riesce a partire verso l'Italia soltanto chi paga il prezzo della propria libertà.  

L’uomo è sospettato di far parte di un’associazione per delinquere, armata, di carattere trasnazionale. E' indiziato dei reati di  tratta di persone, sequestro di persona, violenza sessuale, omicidio aggravato e favoreggiamento dell'immigrazione. 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento