Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giornata del ricordo, il prefetto: "Non dimenticare per trasmettere ai giovani i valori del rispetto e della tolleranza”

In Prefettura si è svolto un momento di riflessione sui massacri delle foibe e l'esodo giuliano dalmata con il conferimento di una medaglia alla memoria del poliziotto canicattinese Angelo Garlisi

 

“Abbiamo il dovere di ricordare e di trasmettere alle nuove generazioni,  la cultura del rispetto e della tolleranza. I nostri ragazzi, devono avere la capacità di discernere il bene dal male”.  Questo, nel giorno del ricordo  dedicato in memoria delle vittime delle foibe,  è il monito che il  prefetto di Agrigento, Maria Rita Cocciufa ha lanciato dai microfoni di AgrigentoNotizie. 

Venne catturato dai partigiani jugoslavi e deportato, medaglia in memoria di Angelo Garlisi
Venne catturato dai partigiani jugoslavi e deportato, medaglia in memoria di Angelo Garlisi

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/agrigento-giorno-memoria-medaglia-diploma-angelo-garlisi-canicatti.html

Un genocidio, quello compiuto dai partigiani comunisti di Tito, che per decenni è stato nascosto all’opinione pubblica e che si è tramandato nel tempo, grazie alle testimonianze dei familiari delle vittime e che solo dal 2004 l’Italia, con l’istituzione della giornata del ricordo, ne celebra la memoria. “E’ una terribile tragedia – dice ad AgrigentoNotizie,  Salvatore Garlisi nipote di Angelo, poliziotto originario di Canicattì infoibato in Juguslavia -   che è stata nascosta da tutti i governi. La colpa di mio zio – aggiunge il familiare -  è stata quella di fare il suo dovere di poliziotto in un periodo dove si pensava a fare la resa dei conti, ma ne lui e neanche tutte le atre vittime delle foibe avevano una colpa”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento