Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sfruttava gli anziani clienti per appropriarsi dei soldi, scatta il sequestro da 573 mila euro

Il provvedimento ha colpito 9 immobili, alcuni rapporti bancari, 3 rapporti assicurativi e 2 automezzi dell'ex impiegato infedele delle Poste

 

Sarebbero venuti a conoscenza di particolari imbarazzanti della vita privata dell’impiegato e, a più riprese, dietro la minaccia di rendere pubbliche situazioni sconvenienti, avrebbero estorto, tra il 2016 e il 2017, ben 250 mila euro all’impiegato 62enne. Impiegato di un ufficio postale di Favara che, con tutta probabilità, avrebbe attinto l’ingente somma versata dai 573 mila euro accaparrati nel tempo a clienti anziani e vulnerabili.

"Hanno estorto 250 mila euro all'impiegato infedele delle Poste": arrestata una coppia 

I carabinieri hanno eseguito un'ordinanza firmata dal Gip del tribunale di Agrigento, Alessandra Vella, e richiesta dal Pm Chiara Bisso. Per estorsione sono stati arrestati, e posti ai domiciliari, una 43enne: Annamaria Stagno originaria di Favara, e il coniuge, Umberto Nocito 38enne, originario di Messina.

Dipendente delle Poste sparito da 6 mesi con un grosso bottino  

A fare luce su quanto è accaduto - a partire dal 2011 e fino al dicembre del 2017 - a Favara sono stati i carabinieri della tenenza cittadina in collaborazione della Guardia di finanza. A carico dell'impiegato infedele è scattato un sequestro preventivo di beni e denaro per una somma pari - 573 mila euro appunto - a quella indebitamente sottratta nel tempo. Il nucleo di polizia economico finanziaria delle Fiamme Gialle, in particolar modo, ha dato corso ad una indagine patrimoniale finalizzata ad individuare e ad aggredire il patrimonio dell’indagato. Il sequestro preventivo ha colpito, nel dettaglio, 9 immobili, alcuni rapporti bancari, 3 rapporti assicurativi e 2 automezzi. 

Sparì con i soldi dei clienti, incendiato il portone di casa all'ex impiegato

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento