Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anniversario dell'uccisione di Rosario Livatino, Cordaro:"Dal sangue dei martiri una Sicilia migliore"

In tarda mattinata autorità e studenti hanno reso omaggio al "Giudice ragazzino" 29 anni dopo l'omicidio commesso alle porte delle città dei Templi

 

"Il ricordo di un uomo delle istituzioni al quale devono guardare le giovani generazioni perché dal sangue dei tanti martiri viene fuori una Sicilia  migliore". Queste sono state le parole pronunciate dall'assessore regionale Salvatore Cordaro in memoria del giudice canicattinese Rosario Angelo  Livatino, assassinato il 21 settembre di 29 anni fa, lungo la Strada Statale 640.

Come ogni anno, il triste anniversario viene celebrato per tenere viva la memoria del servitore dello Stato barbaramente ucciso mentre si recava al lavoro. All'ombra della stele dedicata al "Giudice ragazzino", sul vecchio tratto della statale "Agrigento - Caltanissetta", si sono radunati autorità e studenti per rendere omaggio al magistrato che presto, per come annunciato da don Giuseppe Livatino, postulatore del processo di canonizzazione del servo di Dio, Rosario Angelo Livatino, potrebbe anche essere proclamato venerabile dalla chiesa cattolica. 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento