Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Controlli ambientali, appello del tenente colonnello Castronovo ai cittadini: "Differenziamo bene i nostri rifiuti"

Il sequestro e la successiva bonifica della cava ha indotto il comandante del centro anticrimine natura dei carabinieri di Agrigento a chiedere ai cittadini di fare attenzione

 

L’operazione di bonifica di circa ventuno mila metri quadrati dei terreni che nel canicattinese, sono stati in passato sede di una cava e che dovevano essere destinate a colture agrarie, ha indotto ottimismo nel centro  anticrimine natura dei carabinieri di Agrigento agli ordini del tenente colonnello, Vincenzo Castronovo. L’ufficiale, a margine della conferenza che si è svolta nella sala stampa del comando provinciale dell’arma, dai microfoni di AgrigentoNotizie, in materia di rispetto dell’ambiente, ha ribadito l’importanza nell’effettuare una corretta differenziazione dei rifiuti.

Bonificata una discarica di 21mila metri, l'area era stata sequestrata un anno e mezzo fa
Bonificata una discarica di 21mila metri, l'area era stata sequestrata un anno e mezzo fa

 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/bonificata-una-discarica-di-21mila-metri-l-area-era-stata-sequestrata-un-anno-e-mezzo-fa.html

“Faccio appello – ha detto il tenente colonnello -  al senso civico di ognuno di noi perché, la frazione umida dovrebbe essere tale e invece abbiamo trovato di tutto. Fondamentalmente – ha aggiunto  Castronovo - si dovrebbe controllare ogni singolo sacchetto di rifiuto che noi conferiamo giornalmente. Fare una buona raccolta differenziata, coscienziosa, aiuta noi e i nostri figli.  Nel nostro ambiente – ha concluso il tenente colonnello -  ci hanno vissuto i nostri nonni, i nostri padri ci viviamo noi e i nostri figli e dobbiamo pensare anche alle generazioni future".
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento