Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Raccolta firme per la chiusura dell'Hotspot, l'attore Colapinto: "I lampedusani non sono razzisti"

L'attore, lontano dalla sua isola, elogia l'atteggiamento della sua gente in piena emergenza Coronavirus: "Hanno rispettato le regole"

 

Ha parlato durante una diretta Facebook fiume, sostenendo i lampedusani e invitando le istituzioni ad agire di buonsenso. Lui è l’attore Tony Colapinto. Il lampedusano, che vive lontano dalla sua isola del cuore, ha parlato alla sua gente.

Una raccolta firme per la chiusura del centro accoglienza, una nave d’aiuto per gli approdi a Lampedusa e tanto altro. L’ex assessore alla Cultura di Lampedusa, parla, all’indomani della protesta dei pescatori dell’isola. I lampedusani, dunque, hanno chiesto a gran voce che l’allontanamento dei migranti dall’isola.

IL VIDEO. Stop agli sbarchi, i lampedusani protestano: "Così ci fate morire"

"La mia gente - dice il lampedusano - non è razzista, anzi. Lampedusa accoglie gente da sempre. I lampedusani sono uomini di mare, conoscono tutti i rischi". 

Sbarco di 36 migranti a Lampedusa, il sindaco: "Tutti in quarantena"

L’attore ha parlato alla sua gente, elogiando anche l’impegno dei lampedusani in un momento complicato per via dell’emergenza Covid 19. “La gente che vive sull’isola è costretta a partorire altrove. Capite? Tutto a carico delle famiglie. Come possiamo pensare di correre il rischio di fare dilagare un’emergenza sanitaria?”. All’appello dell’attore hanno risposto centinaia di lampedusani.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento