Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tesoro di Santa Maria dei Greci è in mostra, ci sono anche le statuine del '600 che facevano parte di un presepe

Il sovrintendente Gabriella Costantino: "Manca l'affresco del Cristo pantocratore che venne ritrovato nel 1900 e che è integro. Bisogna fare una ricerca, probabilmente è stato portato a Palermo"

 

Il tesoro rinvenuto in occasione dei restauri della chiesa di Santa Maria dei Greci e del crepidoma del tempio, datati dalla preistoria al ventesimo secolo, è visibile. Questo pomeriggio è stato, infatti, inaugurato l'Antiquarium. I materiali e gli oggetti d'arte rinvenuti e messi in mostra raccontano la lunga storia del colle e della stessa chiesa. A curare l'evento sono stati la sovrintendente Gabriella Costantino, il Rup Armida De Miro e il direttore dei lavori Agostino Marrella.

"Durante i restauri effettuati nel 2007, 2008 e 2009 abbiamo acquisito anche questi spazi adiacenti alla chiesa proprio per l'esposizione dei materiali trovati all'interno del pozzo e che raccontano la lunga storia della città e del colle - ha spiegato, durante l'inaugurazione, il sovrintendente di Agrigento Gabriella Costantino - . Dai materiali del 4 millennio avanti Cristo passiamo a materiali del ventesimo secolo, fra questi anche materiali neolitici e poi del quinto secolo avanti Cristo. Ma anche statuine del '600 che facevano parte di un presepe e delle medagliette in bronzo e in ottone che servivano per le comunioni e i battesimi o anche utilizzate dai pellegrini. Manca l'affresco del Cristo pantocratore - ha sottolineato il sovrintendente - che vene ritrovato nel 1900 e che è integro. Bisogna fare una ricerca, probabilmente è stato portato a Palermo".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento