Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I dolci dei morti" di Andrea Camilleri riempiono ancora le tavole degli agrigentini

Frutta martorana, pupi di zucchero e "carcagnette" invadono le vetrine delle pasticcerie

 

“Nella nottata che passava tra il primo e il due di novembre, ogni casa siciliana dove c’era un picciliddro si popolava di morti a lui familiari. Noi nicareddri, prima di andarci a coricare, mettevamo sotto il letto un cesto di vimini (la grandezza variava a seconda dei soldi che c’erano in famiglia) che nottetempo i cari morti avrebbero riempito di dolci e di regali che avremmo trovato il 2 mattina, al risveglio. I dolci erano quelli rituali, detti dei morti: marzapane modellato e dipinto da sembrare frutta, rami di meli, fatti di farina e miele e altre delizie come viscotti regina, tetù, carcagnette. Non mancava mai il pupo di zucchero”.

In questi brani tratti dal racconto  “Il giorno che i morti persero la strada di casa”, il compianto scrittore empedoclino, Andrea Camilleri descrive le tradizioni e i riti della commemorazione dei defunti. Il 2 novembre, in Sicilia è una ricorrenza molto sentita tanto da essere comunemente chiamata la “festa dei morti”. Una data attesa soprattutto dai più piccoli, che nel ricordo dei propri cari, ricevono in dono giocattoli e dolci. 

AgrigentoNotizie ha incontrato il pastry chef Giovanni Mangione che ha parlato dei dolci della tradizione che sostanzialmente, nonostante il trascorrere degli anni, sono ancora quelli descritti da Camilleri.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento