Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Consegna dei beni confiscati, il prefetto Caputo: "Restituiamo alla comunità un importante patrimonio"

Tra i destinatari dei 168 immobili ci sono anche i Comuni e le associazioni a cui spetterà il compito di curare le finalità sociali e istituzionali

 

Tra i destinatari dei 168 beni confiscati ci sono anche i Comuni e associazioni che ne cureranno la destinazione, tramite bandi, per finalità sociali e istituzionali.

Sulla tempistica di presentazione dei relativi progetti all’Agenzia nazionale per i beni confiscati e sequestrati, il direttore Matilde Pirrera, dai microfoni di AgrigentoNotizie spiega: "Un anno di tempo per l’individuazione dei progetti e due anni per la definitiva assegnazione dei beni”.

Consegnati 168 beni confiscati alla mafia, ecco a chi sono andati e come verranno utilizzati

"Restituiamo alla comunità agrigentina un importante patrimonio sottratto alle mafie – è stato il commento del prefetto di Agrigento Dario Caputo - . L'Italia è il Paese dove purtroppo è nata la mafia, ma è anche quello che ha dato i natali alla legislazione antimafia più evoluta al mondo e di questo, oggi, noi siamo testimoni".  
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento