Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La città si ferma e commemora Giuliano Guazzelli, Pellegrino: "Un investigatore monumentale"

Sono trascorsi 27 anni dall'omicidio del "mastino": il sottufficiale dell'Arma che tanto combatté contro Cosa Nostra

 

Sono trascorsi 27 anni dall’omicidio del maresciallo dei carabinieri, Giuliano Guazzelli, il sottufficiale calabrese, originario di Gallico, che venne barbaramente assassinato il 4 aprile del 1992 sullo svincolo per Porto Empedocle del viadotto Morandi di Agrigento. Guazzelli era soprannominato, negli ambienti investigativi, il “mastino” per la sua capacità di fare presa contro Cosa Nostra.

In mattinata, la città di Agrigento e l’Arma dei carabinieri, hanno celebrato la memoria del sacrificio del martire della giustizia Giuliano Guazzelli, alla presenza delle autorità e della figlia. Toccante la cerimonia di deposizione di una corona di alloro sul luogo del delitto. "L'Arma dei carabinieri, non solo quella agrigentina - ha detto il colonnello Giovanni Pellegrino, comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento - ricorda questa figura monumentale di uno splendido investigatore che quasi trenta anni fa ha dato la sua vita per il bene di questa terra".
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento