Uccidi l'anima, romanzo di Antonella baldassano

Esce il nuovo romanzo della scrittrice saccense Antonella Baldassano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Due donne, la tastiera che porta al social apparentemente virtuale, inverosimilmente reale nelle vite delle persone. Uomini che escono dall'anonimato per agire, con il loro carico di vita e di mistero. La storia, ben congegnata, è scritta in modo scorrevole e appropriato alle vicende e alle emozioni delle due donne che si sosterranno nella scoperta di sé e del cambiamento che coincide, per un attimo, con la resa dei conti del mondo virtuale.

Dalla quarta di copertina. Nell'era dei social network che accorciano le distanze, la virtualità risucchia la realtà e talvolta la esaspera. L'incontro su Facebook di due donne dal vissuto comune e al contempo diverso diventa lo strumento di un cambiamento di rotta. Emergeranno verità appena intuite e che si celano dietro account fittizi.

L'autrice evidenzia la difficoltà di scindere il virtuale dal reale, dando, il primo, la possibilità di "essere" quel che non si è, per la facilità nel creare un account finto, inventare nomi e origini o di celare la vera natura dietro monitor e tastiera. In aggiunta al senso di destabilizzazione nelle menti di chi osserva, la quasi impossibilità di conoscere chi si ha "davanti".

Antonella Baldassano, nata a Sciacca (Ag), è scrittrice di professione e insegna scrittura creativa. Fra le sue pubblicazioni i romanzi Il sole che brucia (2003),

B… come arcobaleno (2007), E poi parlò con Dio (2010).

La sua attività letteraria, avviata da giovanissima, ha ricevuto numerosi riconoscimenti, suscitando anche l'attenzione della stampa estera: si ricordi un articolo sulla "Rossiyskaya Gazeta", giornale russo, firmato da N. Paklin.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento