Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Fortitudo, Evangelisti: "Settimana complessa, adesso dimostriamo d'essere uomini"

 

Conferenza stampa pregara in casa Fortitudo. A parlare coach Franco Ciani e Marco Evangelisti. Dopo il ko interno contro Siena, la Moncada ha voglia di riscatto. Domenica i biancazzurri, affronteranno Casale Monferrato.

FRANCO CIANI: "Il percorso che ci ha condotto qui, le tematiche che si sono affrontate, credo sia fondamentale il primo approccio dopo questa settimana non facile. La sconfitta in casa di domenica è stata più pesante delle altre. La squadra è stata capace a trovare degli spunti di reazione e chiarimento, soprattutto quello di riadesione ad un progetto. La classifica è cortissima, pur essenco consapevoli che il percorso è difficile. Abbiamo la possibilità di risalire la china. Dalle situazione negative si trae maggiore forza. Sono sereno, stiamo lavorando tanto. Questa settimana abbiamo lavorato ancora meglio dei giorni passati. C'è voglia di essere onesti sempre. E' un momento difficile, ma lo abbiamo affrontato con tanta maturità. Questa situazione rinnovata si deve esprimere sul campo. Casale? E' una partita complessa. Loro sono stati artefici di un inizio di stagione complesso, vengono da una vittoria, quindi anche loro sono in forte ripresa. Casale e Agrigento negli ultimi due anni si sono incontrate una marea di volte, la difesa è quella cosa che spesso ci ha consentito di stare in partita è cosi anche per Casale. Le difese cercheranno di avere il dominio di gioco. Lo stato d'animo? E' diverso. Noi abbiamo meno entusiamo e più peso. Credo che maturità ed intelligenza dell'ambiente di Casale, saprà anche moderare il livello di entusiasmo dovuto alla prima vittoria, forse saranno un pizzico più sereni. Gli americani? Ognuno di noi deve fare qualcosa di diverso. Non dobbiamo addossare il rendimento al singolo. Dobbiamo ripartire dal primo quarto ed al terzo quarto di domenica, la squadra è stata capace di fare un parziale di 20 a 4, contro una delle squadre del momento. Non dobbiamo essere la squadra che ha preso 0-18. Dobbiamo avere la giusta rezionalità nella gestione delle scelte. L'assenza di Piazza? Gli esami strumentali ci portano buone notizie, siamo fiduciosi. In questi cinque anni non ho mai iniziato l'analisi del post partita da una assenza, sarebbe sciocco dire è uguale giocare senza Piazza, non è cosi. Abbiamo una rosa di giocatori di qualità. Nella costruzione dell'amalgama, non avendo una solidità di sistema, tutti gli intoppi creano una difficoltà in più, che preferiremmo evitare. Anche senza Piazza, giocheremo. La partita si alza la palla a due, chi c'è gioca e quelli la devono vincere". 

MARCO EVANGELISTI:  Veniamo da un momento difficile. Abbiamo fatto riunioni, confessionali, ne siamo usciti tutti molto contenti. Sono venute fuori tutte le problematiche che abbiamo avuto fino ad adesso, da un punto di vista umano e tecnico. Abbiamo deciso di dare un taglio e ripartire da zero, o quasi. Siamo consapevoli che se continuiamo a perseverare negli errori, di ogni tipo, sia dallo spogliatorio che dal campo, non si va da nessuna parte. Da domenica inizia un altro campionato, qui non ti regala niente nessuno. Non si vince senza dare il cento per cento in campo. Da oggi guarderemo ogni domenica contro chi giochiamo. Casale? Loro sono ben organizzati, hanno le loro difficoltà come tutti. Non verranno qui a passeggiare, noi ci giochiamo anche la faccia che abbiamo messo in queste riunioni, dobbiamo dimostrare che siamo uomini, mettendo sul campo quello che ci siamo detti. Responsabilità? Fanno parte del gioco. Dobbiamo essere presenti con la testa e con lo spirito giusto. Abbiamo parlato, non c'è niente di catastrofico, stiamo lavorando bene e serenamente. Il lavoro paga, ne usciremo fuori. Serve concentrazione, ascoltando sempre ciò che dice coach Ciani. Non siamo in una posizione in classifica irrimediabile, dobbiamo trovare i nostri equilibri. Non c'è nulla di disastroso, dobbiamo capire che tutti devono dare l'anima. Solo così possiamo arrivare lontani, se fossi un tifoso non sarei allarmato, lavoriamo mattina e sera, per cercare di capire. Chi scende in campo deve essere duro mentalmente, in modo da non vanificare il lavoro degli altri. Io sono disposto a prendermi tutte le responsabilità del caso, mi piace anche". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento