La "Targa Florio" non dimentica Andrea Camilleri, un premio dedicato allo scrittore empedoclino

L'evento, che dal 10 al 13 ottobre porterà le quasi 180 auto di esclusivo prestigio storico e sportivo da Palermo alla Valle dei Templi

La Targa Florio Classica 2019 ricorda il grande Camilleri. Nel corso della presentazione, avvenuta a Palermo, è stato omaggiato lo scrittore empedoclino, scomparso lo scorso luglio. L'evento, che dal 10 al 13 ottobre porterà le quasi 180 auto di esclusivo prestigio storico e sportivo da Palermo alla Valle dei Templi, sulle Madonie e nei giardini della Favorita, dedica un premio dedicato al grande intellettuale e scrittore di origini agrigentine.

I particolari tecnici sono stati illustrati da Marco Rogano direttore Generale Aci Sport: “La Targa Florio 2019 onora la memoria di Andrea Camilleri con un trofeo che sarà consegnato all’equipaggio vincitore, un tributo al grande maestro in un’edizione che si spinge fino alle terre che gli diedero i natali. Ancora una volta la Targa Florio si distingue per il suo fascino unico dovuto a bellezza di un territorio unico ed esclusivo e di luoghi meravigliosi e sempre nuovi che l’evento e la gara di Regolarità permette di Scoprire. Quest’anno la gara si spingerà fino alle terre agrigentine nella giornata di venerdì e gli equipaggi avranno occasione di ammirare la Valle Dei Templi, oltre che gli splendidi luoghi del centro di Palermo sede di partenza giovedì ed arrivo la domenica

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento