Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Il "ragazzino" dal gol pesante, Sicurella: "Non ci credo ancora"

 

L’Akragas vince una delle partite più complicate di sempre. Dopo una settimana difficile, i biancazzurri pareggiano allo scadere. Due a due e Simone Sicurella, che si regala un sabato da sogno.

Giovane, giovanissimo di Porto Empedocle, ha messo dentro – allo scadere – la palla del pareggio. “Sono sensazioni che ho provato per la prima volta – ha detto il classe ’99. E’ una cosa fuori dal normale per me. Spero che sia l’inizio di una lunga serie. Spero che il mio gol possa risolvere qualcosa. Il tifo è stato compatto, è quello che dovrebbe esserci ogni domenica. Il gol? Lo ammetto, ancora non ci credo”.

In sala stampa, Lello Di Napoli, allenatore dell’Akragas, è stato chiaro. I suoi giovani, oggi hanno ingabbiato il Fondi, squadra che lotta per i play off. “Sono contento per i miei ragazzi. Un plauso va fatto a Longo, ma anche Coppola e gli altri. In questa situazione ci siamo ricompattati e stiamo lavorando seriamente. Mi dispiace che io non sia mediatico, gli allenatori delle altre squadre devono pensare ad allenare ed a non dire cose sbagliate. Io sono sempre stato onesto. Il Fondi? Per loro pareggiare qua è una grande sconfitta. Guardo in casa mia, so che il mio gruppo è fatto di grandi valori morali. Sono contento, spero solo che questo pareggio porti grande serenità. Stiamo costruendo qualcosa di importante, serve tempo. L’allontanamento di Giavarini? Non entro in merito a delle questioni societarie. Cercheremo di superare questo momento. Noi, sputeremo sangue, questo è il nostro lavoro. Dimettermi? Donadoni, quando il Parma fallì, non abbandonò la barca”.

Nel post gara, anche il diesse Salvatore Catania. Il biancazzurro fa il punto della situazione. Peppino Tirri? E’ a Milano, lunedì lo raggiungerò anche io. La strategia dettata dalla società è molto chiara. Bisognerebbe abbassare le asce da guerra, per il bene dell’Akragas. Voglio fare un plauso al mister ed alla squadra. Io non mi emoziono quasi mai per le partite di calcio, ma oggi mi sono emozionato. Queste sono le partite che ti fanno avvicinare al calcio”.  

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento