Sport

Akragas, Alessi con polemica: "Scelta politica, ma adesso sotto con la D"

La squadra di Agrigento non parteciperà al prossimo campionato di LegaPro. Parla con un filo di polemica rassegnazione il massimo dirigente biancazzurro, che definisce il mancato ripescaggio "scorretto"

"Scorretto quello che è successo". Dopo il mancato ripescaggio in LegaPro, il presidente dell'Akragas Silvio Alessi parla con una polemica rassegnazione. "Apprendiamo con amarezza la decisione della Figc. Francamente non ci sembra corretto che, chi ha disputato i play-off spendendo dei soldi, ora non viene neanche preso in considerazione".

"Ho l'impressione - commenta il patron dell'Akragas - che in questa vicenda sia prevalsa la logica della campagna elettorale". Il massimo dirigente biancazzurro si riferisce alla querelle tra Albertini e Tavecchio, esponenti candidati alla presidenza della Lega Calcio. 

"Queste vicende - ammette Alessi - non fanno bene al calcio. Verrebbe la voglia di mollare tutto, soprattutto per non avere a che fare con questi personaggi che, tra l'altro, ci hanno fatto perdere un mese di tempo".

Silvio Alessi ha tanti nodi da sciogliere, tra questi la posizione del tecnico Andrea Sottil e la costruzione di un organico competitivo per il prossimo campionato di serie D: "Da domani ci concentreremo sulla serie D, cominciando ad allestire una squadra competitiva che possa far bene".

L'Akragas non fa nessun ricorso e si tuffa nel prossimo campionato di serie D. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Akragas, Alessi con polemica: "Scelta politica, ma adesso sotto con la D"

AgrigentoNotizie è in caricamento