menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Pallamano Girgenti non si ferma più, vittoria e primato

Ammontano a cinque le gare consecutive vinte dagli atleti agrigentini. Sin dai primi momenti della gara si è capito che l'incontro doveva essere una vera e propria battaglia e che doveva essere giocato attimo dopo attimo senza arrestarsi. Un primo tempo sofferto e giocato pari passo agli avversari

Sembra inarrestabile la sete di vincere dei ragazzi di Maurizio Camilleri. Anche  nel parquet del Palazzetto di Licata (gara casalinga) nello scontro contro i forti ed esperienti  atleti  del Capo d’Orlando, la Pallamano Girgenti centra anche questa vittoria. Quindi ammontano a cinque le gare consecutive vinte dagli atleti  agrigentini. Sin dai primi momenti della gara si è capito che l’incontro doveva essere una vera e propria battaglia e che doveva essere giocato attimo dopo attimo senza arrestarsi. Un primo tempo sofferto e giocato pari passo agli avversari.

Scorrono i minuti e il fischio degli arbitri segna la fine del primo tempo, finito in assoluta parità con il risultato di 12 a 12. Intanto negli spogliatoi mister Camilleri avverte i suoi atleti che quell’incontro non si doveva perdere e quindi mettere la grinta e la voglia e il massimo delle proprie forze per ottenere un altro risultato positivo.

Nella seconda fase di gioco si spreca qualche pallone ma la gara continua sui livelli del primo tempo. A circa 10 minuti della ripresa uno sbandamento per la squadra avversaria, messa in difficoltà dalla difesa e dai contropiedi agrigentini, fa rimontare la squadra distaccando gli avversari con una differenza reti che metteva in tutta sicurezza l’incontro.

Ma i forti atleti del Capo d’Orlando, vedendosi di sotto di ben 6 gol, cercavano di rimontare e in pochi minuti di gioco il risultato si era capovolto a favore della squadra ospite: da un vantaggio di 22 a 16 gli agrigentini si ritrovavano scritto nel tabellone che il risultato era di 23 a 22 per l’Esperia Orlandina.

Negli ultimi cinque minuti di gioco la rabbia e la disperazione del capovolgimento del risultato ha fatto ritrovare alla squadra di casa la forza e la grinta per la ripresa. A soli tre minuti dal fischio finale, infatti, sono riusciti a capovolgere il risultato a loro favore per 27 a 25. Da dire che sono stati commessi troppi errori  soprattutto in fase di attacco poiché dopo ottimi contropiedi non si sono realizzate le reti che potevano dare sicurezza e serenità a tutta la squadra.

La società Pallamano Girgenti ringrazia tutti gli atleti e spiega: "Gli atleti ci pongono una domanda: che fine ha fatto il Pala Nicosia, e anche che fine ha fatto la tensostruttura'.  Non sappiamo cosa rispondere. Si spera che a queste domande possano dare una risposta concretachi di dovere,   per poter dare serenità a tutte le società sportive agrigentine che giorno dopo giorno tolgono dalla strada centinaia di ragazzi  distogliendoli  dalle ormai tante devianze giovanili".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento