Il Licata gela il Barbera e fa sperare i mille tifosi: il Palermo rimonta e si impone

I rosanero non steccano davanti ai propri tifosi e si confermano squadra schiacciasassi. Al Barbera succede tutto nel primo tempo. Uomini di Pergolizzi sempre più in fuga

Quando il Licata si è portato in vantaggio sembrava potesse accadere davvero di tutto quest'oggi al Barbera e invece i gol di Felici e Santana regalano a Pergolizzi il ticket per salire sull’ ottovolante. La Favorita si conferma ancora una volta montagna russa di emozioni, risultato in bilico fino all'ultimo istante, ma al triplice fischio dell'arbitro è il Palermo a far festa: Licata battuto 2-1 e primato in classifica consolidato.

Si decide tutto in un piccolo scorcio del primo tempo: gli ospiti passano in vantaggio al 23’, gelando per qualche istante i 20 mila del Barbera, perché poi, in soli cinque minuti, il Palermo mette il turbo e trova l’ennesimo uno-due micidiale di questa stagione. Protagonista indiscusso Felici (primo gol per lui in maglia rosa) il talentino scuola Lecce è sempre più leader di questo Palermo. Impossibile però non elogiare Santana, il pallonetto dell’argentino sotto la bolgia della curva Nord ha di fatto aperto le danze all’ennesima festa della stagione a tinte rosanero. Gli uomini di Pergolizzi torneranno in campo domenica prossima sul campo del Nola. 

Altro che noie muscolari per Martin e Martinelli: Pergolizzi fa un baffo agli acciacchi e si presenta col migliore undici titolare possibile: 4-3-3 con Kraja che torna a indossare una maglia da titolare. Crivello e Lancini davanti a Pelagotti con Doda a destra e Vaccaro a sinistra. L’anima di questo Palermo però emerge ancora una volta tutto in attacco con il trio composto da Felici, Santana e Ricciardo.

Dall’altro lato invece c’è una Licata sbarcato al Barbera con a seguito oltre mille tifosi. “Rispetto per chi ha fatto la storia della Sicilia, Licata saluta il Barbera”, si sono presentati con questo striscione i licatesi alla Favorita, botta e risposta di applausi con gli ospitanti rosa. Mister Campanella si gioca il tutto per tutto, affidandosi all’estro (e al mancino) del migliore dei gialloblù: Roberto Convitto. 

Il Barbera è una bomboniera pronta a esplodere e il Palermo, spinto dalla carica dei propri tifosi, parte subito con il piede nell’acceleratore: sono tre i gol che nei primi cinque minuti di gioco gli uomini di Pergolizzi rischiano di rifilare al Licata. Tante occasioni, ma poca concretezza. O almeno, così è stato fino al 23’ perché poi al Barbera è successo davvero di tutto. Lampo improvviso del Licata che si porta sorprendentemente in vantaggio grazie a un colpo di testa di Maltese sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Da segnalare l’ingenuità di Doda qualche istante prima del gol, con un retropassaggio suicida di petto per Pelagotti. Una sciocchezza che poteva costare carissima ai rosa, ma per fortuna del terzino albanese, il Palermo incassa e reagisce, proprio come accaduto settimana scorsa a Biancavilla. A ristabilire la parità ci pensa Felici, con un diagonale chirurgico che batte Ingrassia, mentre a completare la rimonta ci ha pensato Santana con un pallonetto altolocato che manda in estasi i 20 mila del Barbera. A questo punto cambia completamente l’inerzia della partita, si accendono gli animi, sia in campo che negli spalti.

Ritmi, come spesso già accaduto in stagione, leggermente più fiacchi nella ripresa. Pergolizzi vuole a tutti i costi i tre punti e dopo qualche minuto decide di mischiare le carte mandando in campo Ambro e Sforzini al posto di Martinelli e Santana. Standing ovation per l’attaccante argentino che oggi ha trovato il suo quarto gol in maglia rosa fra coppa e campionato. La partita si chiude con un’occasione ghiottissima per il Licata, Convitto si ritrova a tu per tu con Pelagotti, ma impatta con uno strepitoso Doda che si immola pallone senza commettere fallo. Il terzino albanese riscatta così l’ingenuità commessa nel primo tempo. 

Il tabellino di Palermo-Licata

Marcatori: 23’ Maltese; 28 Felici; 29’ Santana.

PALERMO: Pelagotti 6,5, Doda 6, Crivello 6,5, Lancini 6,5, Vaccaro 6,5, Martinelli 6 (62’ Ambro 6), Martin 6,5 (88’ Mauri), Kraja 6 (87’Langella); Santana 7 (67’ Sforzini 6), Ricciardo 6 (83’Beretti), Felici 7,5. All. Pergolizzi. 7

LICATA: Ingrassia, Enea, Doda (56’ Daniello), Maltese (cap.), Cassaro (88’ Biondo), Assenzio (75’ Gallon), Convitto, Adeyemo, Porcaro, Diaby, Ceesay. All. Campanella

Arbitro: Niccolò Turrini

Note -ammoniti: 7’ Doda; 15’ Maltese; 32’ Felici; 77’ Lancini; Diaby 90’. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento