Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Verso il derby, mister Di Napoli: "Il Catania è una corazzata"

 

E derby fu. L’Akragas è a un giorno dall’atteso derby contro il Catania. In sala stampa, ha parlato mister Di Napoli ed il centrocampista Luca Palmiero. La partita si giocherà, domani, domenica 12 febbraio alle 14 e 30.

"Giocheremo contro una corazzata – ha detto l’allenatore. Se vogliamo fare qualcosa di straordinario, dobbiamo fare qualcosa che non abbiamo mai fatto, andando oltre le nostre aspettative. I miei ragazzi, suderanno e affronteranno questa gara con grande umiltà. Noi, abbiamo dalla parte nostra la spregiudicatezza. Affrontiamo giocatori importanti, ma si comincia sempre dallo zero a zero. Saremo onorati di giocare contro un grande Catania, do il benvenuto a Lo Monaco. La città sarà felice divedere ancora una volta il maestro Rigoli, sulla panchina del ‘gigante’. Di Grazia? E’ un giocatore importante. Sta facendo bene, sono sicuro che in futuro può aspirare a palco scenici importanti. Se è lui è sicuro di fare gol per lui, sono contento per lui. La chiave tattica della partita? Dobbiamo essere spregiudicati, non vediamo l’ora di confrontarci contro giocatori importanti. C’è voglia di fare una cosa importante, andando oltre alle nostre potenzialità. L’Esseneto stregato per il Catania? Anche per noi. Noi, siamo in credito con la fortuna, domani non guasterebbe averne un po’".

Torna in mezzo al campo, Luca Palmiero. A lui le chiami della regia dell’Akragas. “Le prossime quattordici partite dobbiamo affrontarle come se fossero delle finali. Domani è un derby, la squadra ci tiene a fare bene. Noi giocheremo per vincere, ma l’importante è dare tutto. Tatticamente è cambiato poco, noi affrontiamo le partite con gli stessi principi di gioco. Ci sono state delle cessioni importanti, adesso diamo non più il cento per cento, ma il centocinquanta percento. Sono arrivati dei ragazzi nuovi, speriamo di fare bene”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento