menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Akragas vede l'Eccellenza, Castronovo: "Attendiamo, giocatori? Certi dirigenti fanno giochi scorretti"

La nuova era del club è già iniziata. Il patron biancazzurro, protegge, il mercato del diesse Russello

Sono giorni frenetici per l'Akragas del patron Giovanni Castronovo. I biancazzurri, quasi certamente, verranno ripescati nel campionato di Eccellenza. Serve una squadra competitiva, per questo, il diesse Russello sta vagliando diverse proposte che la sessione estiva del mercato offre. 

"Stiamo operando sul mercato in maniera assolutamente precisa e puntuale - dice Castronovo - stiamo individuando i profili giusti e le personalità adeguate per vestire la gloriosa maglia dell’Akragas. Ma nonostante le idee siano chiare, non abbiamo fretta di costruire subito la squadra: vogliamo prendere calciatori degni di vestire la maglia biancoazzurra. La prossima settimana ufficializzeremo le prime tre trattative concluse e si tratta di giocatori dall’indiscusso valore tecnico. Inoltre, ci sono altre due/tre trattative, con giocatori di categoria superiore, in dirittura d’arrivo che contiamo di chiuderle nelle prossime ore”.

L'Akragas, secondo quanto trapela, ha buone possibilità d'essere ripescata. Diverse, però, i rumors che vedrebbero i biancazzurri fuori dal campionato di Eccellenza.  “Non bisogna dare adito a queste dicerie - afferma Castronovo. Posso affermare di aver anche interloquito con i massimi rappresentanti della Lega nazionale dilettanti e ho avuto delle rassicurazioni importanti in merito alla categoria dove giocherà l’Akragas. Ad oggi ci sono tre posti disponibili in Eccellenza e secondo la graduatoria delle squadre che hanno perso i play off del campionato di Promozione, in pole position ci sono l’Akragas e l’Enna. Dunque, con la disponibilità di tre posti liberi, c’è la quasi certezza che l’Akragas sarà ripescata in Eccellenza. Attendiamo solamente l’ufficialità da parte della Lega. Ci tenevo a smentire i dirigenti delle altre squadre, alcune della provincia di Agrigento, che contattano i giocatori già bloccati da noi per la prossima stagione, raccontando solo delle favole sul nostro ripescaggio e operando manovre di disturbo sul mercato di rafforzamento dell’Akragas. Sono cose scorrette che nel calcio non dovrebbero accadere, ma noi andiamo avanti per la nostra strada perché ci riteniamo di un livello superiore sia sotto il profilo calcistico che culturale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Danneggia la rotonda del Quadrivio e fugge via: "beccato" dalle telecamere

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Coronavirus

Attualità

L'accademia delle Belle arti dona quindici quindici quadri al Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Un agrigentino a "Uomini e donne", Gero Natale debutta su Canale 5

  • Sport

    L'ex "portierone" Daniele Indelicato vola a Dubai: affiancherà Sosa

Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento