rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Calcio

Lo Sciacca pronto al derby contro il Canicattì, Geraldi: "Dobbiamo giocarcela a viso aperto, mi aspetto lo stadio pieno"

Per la sfida in programma domani alle 14 e 30 al Gurrera il tecnico neroverde dovrebbe avere a disposizione per la prima volta dopo tanto tempo l'organico al completo

Dopo la sconfitta a testa alta per nello spettacolare match contro la Don Carlo Misilmeri lo Sciacca torna tra le mura amiche per disputare un altro match di spessore: al Gurrera infatti arriva il Canicattì di Lillo Bonfatto, secondo in classifica con una partita in meno, per un derby che promette scintille e spettacolo.

Il tecnico dello Sciacca Giuseppe Geraldi ha espresso le sue considerazioni in vista di questa partita importante: "Sicuramente per noi è un march importante -ha affermato - affrontiamo una squadra che fino a settimana scorsa era prima e non lo è adesso solo perché ha una partita in meno. Ci aspettiamo uno stadio stracolmo che ci possa aiutare nella nostra prestazione. I numeri dicono che il Canicattì è una squadra molto cinica che ha preso pochissimi gol, solo 4 in 12 partite, si sbilancia poco ma davanti sono bravi e hanno fatto diversi gol. I numeri dicono che è la squadra più compatta del campionato, noi cercheremo di scardinarli perché vogliamo vincere".

L'allenatore saccense ha poi fatto il punto della situazione sui giocatori disponibili soffermandosi anche sull'impostazione della partita e le possibili insidie: "Le condizioni della squadra sono discrete - ha spiegato - c’è stato qualche acciaccato in settimana ma dovrebbe rientrare tutto entro domenica: probabilmente saranno tutti a disposizione. La mentalità deve essere sempre la stessa, giocarcela a viso aperto con tutti. L’aspetto che ci penalizza tanto è il terreno di gioco: a Misilmeri abbiamo trovato un sintetico che ci ha permesso di fare le nostre giocate, nel nostro campo non si possono replicare allo stesso modo ma ci proveremo lo stesso"

Il tecnico ha  infine detto chiaramente che la squadra non si accontenterà: "Io non gioco mai per pareggiare -ha concluso - ma per vincere contro chiunque: alle volte giochi contro avversari più deboli altre volte più forti. Domenica giochiamo contro il Canicattì e non ci sarà bisogno di fare appelli ai tifosi perché lo stadio sono convinto si riempirà: loro sanno che il loro apporto è fondamentale, a Sciacca soprattutto rispetto ad altre piazze, si sente il loro apporto perché siamo i più numerosi. Li aspettiamo domenica e insieme cercheremo di battere il Canicattì"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo Sciacca pronto al derby contro il Canicattì, Geraldi: "Dobbiamo giocarcela a viso aperto, mi aspetto lo stadio pieno"

AgrigentoNotizie è in caricamento