rotate-mobile
Calcio

Pro Favara, il ds Longo: “ Stagione straordinaria, giocata senza paura da uomini veri”

Il bilancio del dirigente gialloblu al termine della stagione andata in archivio dopo la sconfitta subita a Enna: “Volevamo migliorare la classifica dello scorso anno”

Il direttore sportivo della Pro Favara, Tino Longo, ha tracciato un bilancio della stagione appena conclusasi. Un'annata molto positiva per i gialloblu, che a breve ripartiranno con maggiore entusiasmo.

“Ci eravamo prefissati un obiettivo in estate: migliorare la classifica dello scorso anno e magari accendere la freccia nella parte finale della regular season per un incredibile e storico sorpasso. Sapevamo della forza di squadre come l’Akragas, la Don Carlo, le due mazaresi, l’Enna, la Nissa, lo Sciacca. Ma quando ho costruito questa squadra sapevo di aver fatto scelte oculate in linea alle richieste della dirigenza, pur rispettando un budget ridotto rispetto ad altre società. Siamo stati una squadra con l’età media bassa - ha detto il ds - abbiamo avuto una partenza non ottima, abbiamo avuto un crescendo di risultati, vinto tantissimo in trasferta e magari lasciato punti importanti davanti a squadre che ritenevamo alla portata. Nella finestra di mercato abbiamo ritoccato qualcosa per rendere più competitivo l’organico. Abbiamo presentato un calcio non fatto di tatticismi ma di schemi e belle giocate, apprezzato dai nostri tifosi e da quelli avversari. Abbiamo riportato al Bruccoleri l’entusiasmo che non si respirava da tanti anni e la prova è stata la presenza sugli spalti di tantissimi tifosi ed il ritorno di molti sostenitori da anni lontani dal nostro calcio dilettantistico. Arrivare terzi e giocare la finale regionale con la corazzata Enna è stato un risultato che ricorderemo a lungo. Chi non ha visto la partita e ha letto il tabellino della gara si sarà fatto un’idea di disfatta ad Enna. E, invece, abbiamo giocato a testa alta, abbiamo mosso il pallone senza nessun timore rispetto alla forza dell’avversario, disputando un primo tempo da protagonisti. Noi non siamo stati capaci di trasformare in gol due ottime occasioni mentre l’Enna, da squadra esperta, ci ha punito al primo svarione e poi ha approfittato del nostro tentativo di rimettere in parità la partita, colpendoci altre due volte. Ha vinto con merito e noi l’applaudiamo. Ma ai miei ragazzi, all’allenatore, allo staff tecnico non possiamo rimproverare nulla. Ma dire semplicemente: grazie. Ringrazio la società, composta da persone serie e che onorano impegni presi, per la “carta bianca” sempre assegnatami, i dirigenti e collaboratori, i tifosi eccezionali di una piazza che merita il salto solo per questo, la famiglia Restivo responsabile del magazzino, lo staff tecnico che ha coadiuvato il grandissimo lavoro professionale di Gaetano Catalano e nella prima fase da Francesco Tudisco. Un grande grazie al nostro responsabile della comunicazione Peppe Piscopo, con il suo staff, per aver dato visibilità alla Pro Favara in tutte le testate giornalistiche regionali e per le tante iniziative con scuole ed associazioni. Un grandissimo grazie ad uomini veri, i miei giocatori, perché hanno fatto squadra, gruppo e famiglia. Al direttore generale Gino Mendolia dire un semplice grazie è riduttivo. E’ stato il mio inseparabile compagno di viaggio quotidiano nella gestione dello spogliatoio e della logistica, permettendo di far vivere serenamente a Favara l’intero organico. E adesso prendiamoci qualche settimana di vacanza meritata.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pro Favara, il ds Longo: “ Stagione straordinaria, giocata senza paura da uomini veri”

AgrigentoNotizie è in caricamento