rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Calcio

Il Canicattì in 10 batte fuori casa il Monreale: biancorossi sempre più primi

Al Ribolla di Palermo la squadra di Bonfatto si porta sul 2-0 nella prima mezzora ma, complice anche l'espulsione di Morana, viene rimontato dai padroni di casa. L'eurogol di Dennis Di Mercurio regala alla squadra tre punti pesanti. Settimo risultato utile consecutivo per i racinari

Continua la marcia in testa del Canicattì di Lillo Bonfatto che anche oggi ha vinto la sua partita: al Ribolla di Palermo, infatti, i biancorossi si sono imposti per 3-2 contro il Monreale al termine di una gara rocambolesca e nonostante il secondo tempo giocato quasi tutto in inferiorità numerica per l’espulsione di Morana. I racinari salgono così a quota 42 punti in classifica, sempre a + 5 dal Misilmeri e a + 8 dall’Akragas.

Il Canicattì ha cominciato ad attaccare letteralmente dal primo secondo con Garufo che dal calcio di inizio prova già a sorprendere il portiere Marineo che però blocca. Il forcing iniziale biancorosso porta i suoi frutti al 19’ quando, sugli sviluppi di un corner battuto da Privitera, Raimondi stacca di testa bruciando la difesa e insaccando l’1-0. Il gol galvanizza la squadra che al 28’ trova il raddoppio: su una situazione di recupero palla Iraci imbecca Gueye in area che incrocia il destro e segna il 2-0. Il Monreale a quel punto reagisce di testa e cuore e si rifà sotto: al 33’ sugli sviluppi di un’azione di Saija sull’out di destra, la palla finisce a Ruggeri che dal limite brucia Guddo con una grande conclusione. La partita è riaperta.

Nella ripresa il Canicattì si ritrova in 10 uomini per l’espulsione di Morana, che ha ricevuto il secondo giallo dopo una simulazione. Il Monreale a quel punto alza ancora di più i giri del motore. Guddo, protagonista di due bei interventi su Namio e Rizzo nulla può al 63’ quando i padroni di casa pareggiano con Zammitti, bravo nel girare in porta da pochi passi. Bonfatto ridisegna la squadra inserendo Prezzabile e Matera al posto di Gueye e Iraci con il Monreale che nel frattempo si getta in avanti alla ricerca di una vittoria che sarebbe oro. Al 75’ però sono i biancorossi a segnare il gol che segna la storia del match con Di Mercurio che dalla distanza trova una conclusione capolavoro sulla quale Marineo nulla può fare.

Nel finale Monreale prova a ristabilire la parità ma il fortino racinaro tiene e alla fine il Canicattì porta a casa l’intera posta contro un avversario uscito comunque a testa alta e che aveva saputo rientrare in partita prima dell’espulsione di Morana. Per i biancorossi è il settimo risultato utile consecutivo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Canicattì in 10 batte fuori casa il Monreale: biancorossi sempre più primi

AgrigentoNotizie è in caricamento