rotate-mobile
Calcio

Canicattì, sconfitta interna contro Cittanova: i calabresi vincono 1-0, Gueye sbaglia un calcio di rigore

I biancorossi di Bonfatto non riescono a portare punti importanti a casa, al termine di novanta minuti nei quali sono stati commessi troppi errori. Gueye sbaglia un calcio di rigore che avrebbe potuto consegnare il pareggio ai suoi. Canicattì in dieci dal 63': espulso per doppia ammonizione il portiere Scuffia

Sconfitta interna per il Canicattì di Lillo Bonfatto, battuto 1-0 dal Cittanova. Al Saraceno di Ravanusa i padroni di casa cadono contro la formazione calabrese: decide la rete di Rao arrivata al 61’.

Bonfatto comincia la gara col solito 4-3-3: Scuffia in porta; Di Mercurio, Raimondi, Conti e Tedesco in difesa; Scopelliti, Diaz e Scalisi in mezzo; Fuschi, C. Gueye e Iezzi in avanti. Fanello risponde col seguente undici titolare: Bruno, Gaudio, Condomitti, Boscaglia, Figini, Carubini, Toziano, Ondo, Giannaula, Crucitti, Rao. 

Il primo tempo è abbastanza equilibrato, le due formazioni provano a costruire ma in alcune circostanze manca l’ultimo passaggio, quello decisivo.

Diaz, nuovo acquisto biancorosso, prova a dare ritmo e geometria alla manovra dei padroni di casa. L’equilibrio perdura per tutti i primi quarantacinque minuti di gioco: si va al riposo sul parziale di 0-0. Nella ripresa i calabresi entrano in campo più convinti, giocando anche con maggiore determinazione.

Al 62’ i giallorossi si portano in vantaggio: Giannaula lavora bene un pallone in area, proteggendo la sfera, quindi serve in mezzo all’area per Rao che con un bel piazzato batte Scuffia. Un minuto dopo il Canicattì resta in dieci uomini: Scuffia, già ammonito poco prima, protesta nei confronti del direttore di gara e viene mandato anzitempo negli spogliatoi.

Entra in campo, dunque, il secondo portiere: Gichkin subentra a Scopelliti. Al 72’ clamorosa occasione per i biancorossi per centrare il pari: sugli sviluppi di calcio d’angolo battuto da Diaz il Sig. Mascolo di Castellammare di Stabia fischia calcio di rigore. Presunta trattenuta su Gueye, che vola giù in area: proteste dei giallorossi, per un rigore apparso generoso. Dagli undici metri si presenta Chris Gueye che però si lascia ipnotizzare da Bruno, che respinge via. Per la verità, rigore battuto male dal numero 9 del Canicattì.

Nei minuti finali i calabresi gestiscono vantaggio e superiorità numerica, portando a casa tre punti fondamentali per la classifica. Biancorossi che restano a quota 18.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canicattì, sconfitta interna contro Cittanova: i calabresi vincono 1-0, Gueye sbaglia un calcio di rigore

AgrigentoNotizie è in caricamento