Sport

"Bagarre" LegaPro, Macalli: "Pensavamo di stare meglio"

Parla il patron della terza serie nazionale. La situazione critica di molti club e le possibili esclusioni di lusso. "Speriamo di non assistere ad una mietitura nel mese di luglio" afferma

Mario Macalli

Superato lo step dell'iscrizione, adesso molte squadre di LegaPro aspettano l'ok definitivo. Tanti i club in bilico e tante le cose da chiarire
Il patron della terza serie nazionale di calcio, Matteo Macalli, intervistato dal quotidiano online "TuttoLegaPro" dice la sua. "Devo dire con rammarico che avremo qualche sorpresa, pensavamo di stare meglio. Purtroppo ci sono tante società che non hanno presentato regolare fideiussione e hanno fino al 15 luglio per sanare la situazione. Quante? Credo una decina. Questo - ammette Macalli - ci porta ad avere una certa preoccupazione per il futuro. Speriamo di non assistere ad una mietitura nel mese di luglio, non sarebbe un bel segnale”.

Molte squadre sono schiave dei loro impianti sportivi, e pertanto rischiano di rimanere fuori: “Purtroppo si è andati avanti per troppo tempo con deroghe, ma qui la responsabilità dei club è minore perchè non sempre sono proprietari degli stadi in cui giocano”.

Sono 51 le squadre "al sicuro", club che non dovrebbero avere particolari problemi: AlbinoLeffe, Alessandria, Ancona, Ascoli, Barletta, Bassano Virtus, Benevento, Carrarese, Catanzaro, Como, Cosenza, Cremonese, Feralpi Salò, Forli, Foggia, Giana Erminio, Gubbio, Juve Stabia, L’Aquila, Lecce, Lucchese, Lumezzane, Lupa Roma, Mantova , Matera, Messina, Monza, Novara, Paganese, Pavia, Pisa, Pistoiese, Pontedera, Pordenone, Prato, Pro Piacenza, Real Vicenza , Reggiana, Renate, Salernitana, San Marino , Santarcangelo, Savona, Spal, SudTirol, Teramo, Tuttocuoio, Venezia, Viareggio, Vicenza, Vigor Lamezia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Bagarre" LegaPro, Macalli: "Pensavamo di stare meglio"

AgrigentoNotizie è in caricamento