menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coppa Italia, il Raffadali si arrende ancora una volta all'Akragas

Gli akragantini hanno battuto per tre a uno il team raffadalese. Entrambi gli allenatori hanno operato un corposo tournover

E' stata l'Akragas dei giovani ad espugnare l'insidiosa squadra del Raffadali. Il primo atto degli ottavi di finale di Coppa Italia è andato ai biancazzurri. Il match è stato chiuso sul tre a uno a favore della squadra del presidente Silvio Alessi.

Il vantaggio arriva grazie a un calcio piazzato, è il giovane Caci a spizzare di testa un pallone che al 20esimo minuto spiazza l'estremo difensore del Raffadali Barbello.
 
Il primo tempo è chiuso da un gioco laborioso e poco tattico. A riposo lungo, a rientrare meglio in campo è il Raffadali di mister Longo. Dopo cinque minuti trova la verticalizzazione vincente il giovane Accardi che fissa il risultato sull'uno a uno.
 
 
Pino Rigoli non ci sta, ed inserisce in campo Alessandro Bonaffini e l'italoargenito Criniti. Ai cambi biancazzurri risponde mister Longo con l'innesto Indelicato.  L'Akragas è costretta a giocare in dieci per buona parte del secondo tempo, ad abbandorare il campo è il giovane Caci, doppio giallo e dritto sotto la doccia.
 
Gli akragantini, malgrado l'inferiorità numerica, riescono a bloccare il risultato, Bonnaffini raggira la difesa casalinga, suggerendo per Rosa che, entrato in area, viene atterrato da portiere Barbello. Per l'arbitro non ci sono dubbi: penalty.  E' lo stesso Rosa che calcia e sigla il gol del due a uno.Il Raffadali prova a riportarsi in avanti, con Privitera e Abbene, entrambe le iniziative spente dalla traversa e dalla chiusura di Iannello.
 
Il tre a uno arriva ancora dai piedi di Rosa, millimetrico assist di Alessandro Bonaffini che serve un pallone da mettere solo in rete. Il Raffadali si arrende ad una laboriosa ma efficace Akragas, i giovani sorprendono e riescono a portare a casa un risultato importante.
 
Nel post partita il tecnico Pino Rigoli afferma: “Non è stato facile, dobbiamo continuare a lavorare, non siamo ancora qualificati ai quarti di finale. Non snobbiamo la Coppa Italia, è un trofeo importante, scendiamo in campo sempre per vincere”:
 
FORMAZIONI
 
RAFFADALI: Barbello, Casalicchio, Fajia, Sireci, Cipolla, Fiore, Privitera (c), Virga, Abbene, Accardi. All Gaetano Longo.
 
A disp: Caruana, Carioto, Russello, Carapezza, Randisi, Indelicato, Scifo.
 
AKRAGAS: Fazzino, Milluzzo, Morgana, Caci, Iannello, Fallea, Ferrara, Bonaffini, Parisi, Rosa, Mazza, Vinciguerra. All Pino Rigoli.
 
A disp: Russo, Morgana, Pellegrino, Bonaffini, Criniti, Arena Contino.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento