rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Sport

L'addio della Fortitudo a Gerlando Micalizio, Ciani: "Un grande amico"

Il coach del roster agrigentino, scrive una lettera aperta all'amico e giornalista scomparso. La società del patron Salvatore Moncada, rivolge l'ultimo saluto al cronista scomparso

Il presidente, la dirigenza e tutto lo staff della Fortitudo Moncada Agrigento si stringono attorno alla famiglia Micalizio per la scomparsa di Gerlando, insostituibile ed instancabile giornalista sportivo, collaboratore del quotidiano “La Sicilia” e di “Tele Video Agrigento”.

"Con la correttezza, la serietà e la simpatia di sempre - scrive la dirigenza della Fortitudo - si è quotidianamente occupato della Fortitudo con grande professionalità e generosità d’animo. Con lui abbiamo condiviso gioie e dolori, festeggiamenti e lacrime, sconfitte e vittorie. Nonostante la malattia lo avesse già preso di mira, non ha un solo giorno abbandonato la nostra squadra. Per noi della Fortitudo, società e tifoseria, è una grande perdita. D’ora in poi non sarà più lo stesso".

Lettera aperta da parte di coach Franco Ciani, all'amico e giornalista Gerlando Micalizio.

"Caro Gerlando . Non avrei mai voluto sedermi davanti alla tastiera del mio computer per il motivo che invece mi spinge a farlo; ho sempre nutrito la speranza che questa volta la sinergia di scienza e natura potesse fare il miracolo e che quindi ti avrei rivisto alla presentazione con il tuo mare di fogli in mano e la penna biro d’ordinanza… Ma eccomi qui.

L’effetto e la stima che ci ha subito uniti fin dai tempi del “Circolo del tennis” imponevano una mia presenza all’ultimo saluto che amici e sportivi ti daranno nei prossimi giorni, ma non potrò esserci e questo mi ferisce, credimi, nel profondo…

Volevo almeno ringraziarti in questo modo per la tua affannosa ricerca nelle ultime settimane di notizie relative alla mia salute, al mio piccolo intervento chirurgico, con l’apprendimento che veniva dal cuore. Purtroppo non ci sarò, almeno fisicamente, e potrò liberamente far scorrere quelle lacrime che sgorgheranno spontanee, scevro dagli obblighi delle occasioni o dei ruoli ufficiali. Adesso però lasciamo riporre nel cassetto le tristezze che così poco ti appartenevano e permettimi di ringraziarti non solo per ciò che hai sempre dimostrato nei miei confronti e di una Fortitudo che affettivamente un po’ ti apparteneva, ma per i tuoi insegnamenti e il tuo esempio. La tua forza morale, la tua dignità nel dolore, la tua voglia di reagire, la tua gioia di vivere, la tua positività anche di fronte all’evidenza. Se il mondo sportivo agrigentino oggi perde la sua memoria storica, la Fortitudo il suo cronista più affettuoso, io un amico sincero, la tua famiglia un riferimento insostituibile, tutti noi insieme un uomo vero!

Ti saluto con i baci e gli abbracci di sempre e ti immagino lassù, perfetto cronista dello sport celeste, in una trasmissione nella quale offrirai quella torta che aspetto dalla prima puntata di due anni fa…

Ti voglio bene Gerli".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'addio della Fortitudo a Gerlando Micalizio, Ciani: "Un grande amico"

AgrigentoNotizie è in caricamento