Domenica, 21 Luglio 2024
Altro

Torna il trofeo podistico “Città di Ravanusa”: il keniano Laban Kipkemboi è l’uomo da battere

In gara i più forti podisti che il movimento amatoriale siciliano può esprimere in questo momento. Circa 200 i partecipanti che si daranno battaglia in velocissimo percorso di circa 6 chilometri

Tutto pronto per l’edizione numero 29 del trofeo podistico “Città di Ravanusa” in programma il 7 agosto, organizzato dalla Pro Sport e dall’ACSI Sicilia con il patrocinio del Comune di Ravanusa, dell’assessorato regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo sotto l’egida del comitato regionale della Fidal Sicilia. 

Sarà il keniano Laban Kipkemboi l’uomo da battere. Gli organizzatori nonostante la concomitanza con i campionati iridati e i prossimi europei, sono riusciti ad allestire una start list di tutto rispetto che non mancherà di regalare spettacolo al pubblico presente. A contendere il successo finale al forte 22enne tesserato per l'Atletica AM. Cisternino, ci sarà l’atleta del Burundi Léonce Bukuru  (Cosenza K42), vincitore quest'anno della classifica generale compensata del Vivicittà e terzo sabato scorso alla Corsa per la Vittoria di Termini Imerese.  Pattuglia italiana, che parla un forte dialetto siciliano,  con in testa il già campione Italiano di maratona Alessio Terrasi che, insieme all’azzurrino Carmelo Cannizzaro (vincitore venerdì scorso a Francofonte del  Miglio su strada) proverà ad impensierire gli atleti “africani”.

In gara ci saranno anche i più forti podisti  che il movimento amatoriale siciliano può esprimere in questo momento: da  Giorgio Adamo (Running Modica) campione italiano di categoria (SM50)  nei 5000 in pista,  al marocchino  dell'Atletica Canicattì, Abdelkrim Boumalik  mattatore in questa stagione delle gare su strada in Sicilia e  campione europeo nei 5000 no stadia della sua categoria (SM55), passando per Salvatore Mangiavillano, sempre protagonista della kermesse agrigentina.

Circa 200 gli atleti iscritti che si daranno “battaglia” nel velocissimo percorso di Ravanusa: per tutti 6 i giri, per un totale di circa 6000 metri, da correre a perdifiato, nel catino del centro di Ravanusa, tra due ali di folla che (allontanata la pandemia) torneranno sicuramente ad "invadere" pacificamente il perimetro del percorso. START alle ore 19. La gara, inoltre, è inserita nel calendario nazionale Fispes, al via infatti ci saranno anche atleti paralimpici.  

La Federazione Italiana Medici dello Sport presente a Ravanusa

Grazie alla sinergia tra comitato organizzatore e Federazione Medico Sportiva Italiana, sarà presente alla Trofeo Podistico ACSI Città di Ravanusa lo staff della Federazione Provinciale con in testa Calogero Nobile coadiuvato dai propri collaboratori. Il tutto è l’inizio di un percorso di collaborazione che andrà avanti per tutte le iniziative organizzate dalla Pro Sport Ravanusa.

ACSI sinergia consolidata

Il trofeo podistico ACSI Città di Ravanusa, continua a promuovere sempre l’ente di promozione ACSI; la collaborazione tra Direzione Nazionale, Comitato Regionale e organizzazione, ha fatto si che la gara di Ravanusana continui a mantenere l’elevato livello tecnico e di promozione che da 28 anni vanno ormai di pari passo.

Terzo tempo all’insegna del rinfresco e dello spettacolo; subito dopo la gara, ad atleti ed accompagnatori sarà offerto un bicchiere di granita a seguire le premiazioni, assolute e di categoria.

Un presente che guarda al futuro (prossimi al trentennale) ma che vive anche di un recente passato che negli anni ha visto come testimonial della manifestazione, Salvatore Antibo, due volte campione europeo a Spalato ’90 (5000 e 10000) e argento nei 10000 ai giochi Olimpici di Seul  ‘88, l’azzurra Anna Incerti oro nella maratona a Barcellona 2010 e fresca di convocazione per gli europei di fine agosto a Monaco di Baviera e ancora Giorgio Calcaterra, dodici volte consecutive sul trono del Passatore. Un albo d’oro che brilla dei nomi, tra gli altri, di Francesco Bennici, Vincenzo Massimo Modica, Benson Barus, Paul,  Jonas Coech, Giuseppe Gerratana (ultimo italiano a vincere a Ravanusa nel 2013) e Feliciene Muithira, vincitore nel 2016 del Giro podistico Internazionale di Castelbuono.

Lo scorso anno, reduce dalle olimpiadi di Tokyo, a vincere il trofeo fu Osama Zoghlami superando allo sprint proprio il gemello Ala (finalista nella kermesse a cinque cerchi).  Tra le donne vittoria per la giovanissima Lorenza Blandi. 

Alla gara di domenica 7 agosto, sarà presente, come sempre, il primo cittadino di Ravanusa Carmelo D’Angelo, da sempre presenta attiva del Trofeo, con la sua amministrazione; per l’occasione sarà accompagnato dall’assessore allo Sport Lisa Alaimo. In rappresentanza dell'assessore regionale al turismo Manlio Messina sarà presente il vice capo di gabinetto Lilli Pisano, mentre tra le autorità sportive sarà presente il presidente regionale dell’ACSI Sicilia Salvatore Balsano.

La voce della gara sarà come sempre, quella di Giuseppe Marcellino, mentre il servizio di cronometraggio sarà affidato a TDS – Venezia che permetterà di seguire i passaggi di gara in tempo reale. Foto e comunicazione  della manifestazione sarà affidata alla testata giornalistica  siciliarunning.it

Il Trofeo si avvarrà della collaborazione con Cuttitta, Cavagrande, Massingen, Studio di Fisioterapia Nigro, Pasticceria La Mattina, Taibi Formaggi, Biscottificio Poaolo Forti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna il trofeo podistico “Città di Ravanusa”: il keniano Laban Kipkemboi è l’uomo da battere
AgrigentoNotizie è in caricamento