Sport

"Tre-mendamente" Akragas, i biancazzurri battono la Lupa: Di Piazza show

La squadra di Pino Rigoli batte tre a zero la Lupa Castelli Romani. Doppietta di Matteo Di Piazza - decimo sigillo stagionale - e gol di Beppe Madonia, i biancazzurri liquidano così i romani

L'Akragas ritrova la vittoria, i biancazzurri affondano ancora di più il fanalino di coda, Lupa Castelli Romani. Tre a zero e doppietta di Matteo Di Piazza. Gli akragantini sono stati compatti e ordinati, buona prova per la squadra di Agrigento che non ha lasciato giocare gli ospiti. La squadra di mister Rigoli sale a quota 34 punti in classifiva.

PRIMO TEMPO:I biancazzurri partono bene, Ciro Capuano al 3' suggerisce un pallone per Zibert, lo sloveno controlla bene ma sbaglia la conclusione. L'Akragas non sbaglia però due minuti dopo, è Di Piazza a fissare il momentaneo uno a zero. Il gol è nato grazie agli sviluppi di un calcio d'angolo, il centravanti dell'Akragas è al nono sigillo stagionale. L'Akragas passa in vantaggio al 5' minuto. La Lupa Castelli prova a giocare, ma l'Akragas riparte in contropiede: giusta la combinazione tra i tre attaccanti, Di Piazza suggerisce per Di Grazia che di tacco serve Madonia, palla fuori. Ritmi alti e partita bellissima. Gli ospiti provano ad agguantare il pareggio, dalla distanza è Maiorano a provare la soluzione, ma la palla termina fuori. Al 27' Matteo Di Piazza viene atterrato in aerea, è Carta a stendere il centravanti biancazzurro, per l'arbitro non ci sono dubbi: è rigore. Dal dischetto si presenta Beppe Madonia, il numero dieci dell'Akragas, spiazza il portiere e sigla il due a zero. L'Akragas è padrona del campo. Al 35' è Grea a sbagliare un retropassaggio, Maiorano prova il lancio ma la palla viene deviata. Calcio d'angolo per la Lupa, gli ospiti non sfruttano e l'Akragas riparte. Nei minuti finali gli ospiti hanno provato ad alzare il baricentro,  Muscatt e Capuano stringono le linee e la Lupa non passa. In difesa non una delle migliori partite di Grea, apparso in affanno in alcune uscite.


SECONDO TEMPO: Nel secondo tempo l'Akragas prova ad arrotondare il risultato. E' Zibert ad impostare l'azione, ma la Lupa è attenta. Al 6' Grea si fa perdonare e dà il via ad un'azione offensiva, il terzino serve Di Grazia che di suola  si sistema il pallone, servendo ancora il suo compagno di squadra che viene atterrato in area di rigore, ma l'arbitro lascia giocare. E' ancora Di Grazia ad innescare la manovra, il piccolo di casa Akragas si fa sessanta metri di campo, lasciando tutti sul posto, ma la palla termina alta. Azione bellissima dell'ex Catania. Ma oggi è la giornata di Matteo Di Piazza, è lui al 71' a segnare la sua doppietta personale ed il terzo gol dell'Akragas. L'assist è stato fornito da Beppe Madonia. Al 73' bagarre in mezzo al campo, fallaccio su Grea e faccia a faccia tra Di Grazia e Di Bella. La partita si innervosisce. Pino Rigoli chiama in panchina Urban Zibert, al suo posto in campo Mauri. Secondo campo nelle file dell'Akragas, Leonetti per uno stanchissimo Di Grazia. Il pupillo di casa Agrigento, esce tra gli applausi. Terzo ed ultimo cambio per l'Akragas fuori Marino dentro Cazè de Silva. L'Akragas dopo il ko rimediato contro la Juve Stabia torna a vincere. Voti alti in pagella per la squadra di mister Rigoli, che ritrova fiducia e bel gioco. Domenica ancora allo stadio "Esseneto", big match tra i biancazzurri ed il Catania. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tre-mendamente" Akragas, i biancazzurri battono la Lupa: Di Piazza show

AgrigentoNotizie è in caricamento