menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Bastone e carota", Legrottaglie a Di Piazza: "Dimostra quanto vali"

Se non fosse che anagraficamente non potessero esserlo, di certo Nicola Legrottaglie e Matteo Di Piazza sembrerebbero padre e figlio. Il primo che stuzzica l'altro e il secondo che ride ma ascolta, che fa le smorfie sotto i baffi ma porta rispetto

Se non fosse che anagraficamente non potessero esserlo, di certo Nicola Legrottaglie e Matteo Di Piazza sembrerebbero padre e figlio. Il primo che stuzzica l'altro e il secondo che ride ma ascolta, che fa le smorfie sotto i baffi ma porta rispetto. Nella nuova sala stampa dello stadio "Esseneto" conferenza infrasettimanale dell'Akragas, Legrottaglie e Di Piazza a dispoosizione dei giornalisti.

"Il Monopoli è una squadra importante. Almiròn? Non ci sarà, è in dubbio anche per domenica. Cambierò qualcosa, dando più freschezza alla squadra". Deciso e sicuro, Nicola Legrottaglie è prontoa  vivere un'altra vigilia di campionato: "Su Di Piazza ho molto da dire, o meglio quando lui è in giornata ma deve esserlo veramente è un pericolo per tutti gli avversari. Io - dice Legrottaglie - spero che questo sia l'anno della sua consacrazione, perchè quando Di Piazza ha voglia fa veramente la differenza". Quando Legrottaglie parla da difensore, Di Piazza fa una smorfia, alludendo simpaticamente a una sorta di paura, come per dire: "Forse ti avrei anche superato in campo". 

Scherzano e si "pizzicano" allenatore e attaccante, ma anche ex difensore e nuova punta dell'Akragas. Matteo Di Piazza è sulle spalle l'attacco della sua Akragas.

"Ho voglia di fare bene in questa stagione - dice Di Piazza - lo devo a chi ha creduto in me, alla mia famiglia ai miei amici e anche alla mia bimba". Nicola Legrottaglie si fida del suo attaccante, ed è pronto a lanciarlo contro il Monopoli.

"Stiamo facendo bene in campionato - dice il tecnico - ma non ci montiamo la testa. Io sono l'allenatore più felice del mondo, perchè alleno una squadra di veri uomini. Dobbiamo tutti provare a cavalcare quest'onda che si chiama Akragas, perchè solo se siamo tutti insieme possiamo raggiungere grandi obiettivi. Ancora manca un pò per vedere la mia squadra al cento per cento, i miei ragazzi stanno giocando da soli e sono ansiosi di sentire il boato dello stadio' Esseneto'. Agrigento deve seguirci e deve credere in noi in tutto quello che stiamo facendo".

Legrottaglie deve fare ancora a meno di Savanarola, per lui il problema al ginocchio è più serio del previsto: "Mi dispiace tanto, Beppe è out e solo i medici potranno parlare di tempi o altro. Ma è nelle difficoltà che si vede una squadra, dobbiamo stare compatti. Ci sarano volte che perderemo, ma chiunque proverà a batterci avrà difficoltà, perchè siamo una squadra rognosa". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento