Sport

Akragas, a Lecce senza paura: i "senatori" lavorano sodo

Marino e Cocuzza lavorano "giorno e notte" per esserci, la loro esperienza può essere d'aiuto. La LegaPro è tosta e ruvida, ma anche insidiosa: i biancazzurri devono ruggire forte

Daniele Marino

Big match della seconda giornata di campionato. Lecce - Akragas, i colossi della LegaPro, contro i "ragazzini terribili" di mister Di Napoli. Numeri alla mano, i giallorossi, hanno diverse carte in più, i biancazzurri sono pronti a giocarsela a viso aperto. Il Lecce sta chiudendo, la campagna abbonamenti, a quota diecimila, l'Akragas si è fermata a quattrocento.

Altri palcoscenici ed altri obiettivi, ma il calcio non è fatto solo di numeri, c'è una scienza inspiegabile che, suo malgrado, regala emozioni inaspettate. Il pareggio interno, con la Vibonese, ha fatto perdere due punti ai biancazzurri di Di Napoli, il gol dell'ex Saraniti, è stato una sorta di fulmine a ciel sereno. L'uscita anzitempo di Bruno Pezzella, ha tolto smalto, il centrocampista in mezzo al campo ha regalato equilibrio e tango agonismo.

L'argentino sulla mediana è stato a tratti perfetto, pochi palloni persi e impatto giusto in partita. Di Napoli farà di tutto per recuperare il suo centrocampista e lui, Pezzella, ha una voglia matta d'esserci. L'Akragas nelle retrovie ha avuto qualche sbavatura ma, Pasquale Pane, ha mostrato sicurezza. A Metà campo, Salandria, ha fatto guerra con tutti.

In avanti Longo ha creato, Gomez è stata la spina nel fianco dei difensori. Esperienza e cattiveria, l'Akragas deve ed ha voglia di crescere ancora. A mister Di Napoli stanno mancando i senatori, Marino e Cocuzza lavorano "giorno e notte" per esserci, la loro esperienza può essere d'aiuto. La LegaPro è tosta e ruvida, ma anche insidiosa: i biancazzurri devono ruggire forte. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Akragas, a Lecce senza paura: i "senatori" lavorano sodo

AgrigentoNotizie è in caricamento