menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Silvio Alessi

Silvio Alessi

L'Akragas aspetta la LegaPro, Alessi: "Mercoledì giornata cruciale"

Conferenza stampa in quel dello stadio "Esseneto". Il patron dell'Akragas, Alessi, insieme al dirigente Massimo Lupo, ha fatto chiarezza sul futuro biancazzurro

Conferenza stampa del sabato in quel dello stadio "Esseneto". Il patron dell'Akragas, Alessi, insieme al dirigente Massimo Lupo, ha fatto chiarezza sul futuro biancazzurro.

La società è in LegaPro, il presidente prende tempo ma non demorde: "Abbiamo interrotto una riunione lunghissima per essere qui" ammette Alessi, il quale ha parlato davanti alla stampa ma anche a circa 50 tifosi. "Stiamo preparando tutta la documentazione giusta per far sì che ogni documento sia in regola. In nostro aiuto - spiega il presidente dell'Akragas - sono venuti dei tecnici più esperti. Insieme ai nostri commercialisti, ai nostri legali ma anche segretari, si sta lavorando per presentare una adeguata documentazione. Fonti attendibili parlano di circa undici squadre che non sarebbero in regola, ma noi vogliamo e dobbiamo aspettare fino a mercoledì 16 luglio, giorno in cui la Covisod emetterà le prime sentenze. Da quel giorno capiremo se credere ancora nel sogno LegaPro".

Alessi non dimentica l'aspetto tecnico e chiarisce alcuni dubbi, tra questi la figura di Andrea Sottil. "Non è detto che sia lui per forza l'allenatore, ma ammetto che abbiamo sentito anche lui. Adesso è prematuro parlare di allenatori o giocatori, ma ovviamente noi abbiamo la nostra lista. Abbiamo sentito alcuni ragazzi dello scorso anno, altri hanno voluto aspettare mentre altri ancora hanno scelto di accasarsi altrove".

Il presidente dell'Akragas non dimentica l'ormai ex tecnico Pino Rigoli: "Comunque siano andate le cose, Rigoli va ringraziato. Ha fatto un ottimo lavoro ad Agrigento e nessuno può parlar male di lui e del suo operato".

L'Akragas e Alessi si danno tempo fino a mercoledì, insieme alla squadra anche il fantasista Nicola Arena. Il giocatore ieri era in città, ma secondo indiscrezioni pare non avrebbe raggiunto un accordo con la società.

Se l'Akragas dovesse avere l'ok sul fronte ripescaggio, lo stadio scelto è il "Tommaselli" di Caltanissetta. Alessi chiarisce: "L'impianto è stupendo, questa struttura potrebbe fare anche la serie A. Se dovessimo essere in LegaPro, ai tifosi chiedo qualche domenica di sacrificio".

?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento