Tennis, conclusa la tredicesima edizione del Memorial Gaspare Sollano

Ad aggiudicarsi il titolo del doppio giallo è stata la coppia formata da Bartolomeo Collura e Vincenzo Barba che in finale ha battuto Giuseppe Capone ed Emerico Sciascia con il punteggio di 62 63.

i quattro finalisti

Si è chiuso definitivamente il sipario sulla XIII edizione del Memorial Gaspare Sollano di tennis.

Dopo la disputa delle finali del singolare maschile e del singolare femminile, si è concluso anche il torneo di doppio giallo. In campo maschile si è imposto il favarese Gabriele Bosco (classifica 3.4) che con un doppio 62 ha sconfitto il favorito (per classifica) Alfonso Palmisano (3.2).

Quest’ultimo dopo una partenza sprint con break iniziale, dal 2-0 si è progressivamente spento, raccogliendo solo sei punti nei sei games successivi.

Andamento molto simile nel secondo set con Palmisano che quasi mai ha dato l’impressione di essere veramente in partita.

A parte la giornata no di Palmisano, va comunque dato merito a Gabriele Bosco di aver meglio interpretato il match e di aver disputato un torneo quasi perfetto.

Anche la finale femminile non ha riservato le emozioni sperate alla vigilia. Non è andata bene all’agrigentina Federica Palumbo che ha dovuto lasciare strada libera alla tredicenne calatina, tesserata per il CT Montekatira di Catania, Chiara Gerbino.

La giovanissima catanese ha lasciato solo due games alla Palumbo (60 62 il risultato finale), che ha pagato la poca attività agonistica delle ultime settimane.

La Gerbino, una ragazza in grande ascesa, ha dominato gli scambi da fondocampo, mentre la Palumbo è sembrata parecchio lontana dalla sua forma migliore.

A premiare i vincitori, oltre ai dirigenti del CT Agrigento, con in testa il presidente Ernesto Gennaro, i familiari più stretti del compianto Gaspare Sollano.

Familiari che non sono mancati nemmeno alla premiazione del torneo di doppio giallo.

Ad aggiudicarsi il titolo è stata la coppia formata da Bartolomeo Collura e Vincenzo Barba che in finale ha battuto Giuseppe Capone ed Emerico Sciascia con il punteggio di 62 63.

Una partita a tratti spettacolare, merito della qualità dei giocatori giunti in finale.

L’appuntamento per tutti è al prossimo anno con la quattordicesima edizione.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento