menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Akragas, Legrottaglie non è bocciato: biancazzurri pronti al riscatto

Aggressivo e antipatico: è il profilo caratteriale del campionato di LegaPro. La squadra di Nicola Legrottaglie è stata battuta nel pomeriggio di ieri da un buon Matera. Uno a zero allo scadere, con pasticcio dell'estremo difensore

Akragas, benvenuta nel professionismo. Aggressivo e antipatico: è il profilo caratteriale del campionato di LegaPro. La squadra di Nicola Legrottaglie è stata battuta nel pomeriggio di ieri da un buon Matera. Uno a zero allo scadere, con pasticcio dell'estremo difensore Maurantonio. Forse il sole sugli occhi, il portiere non ha preso le misure della punizione regalando il vantaggio decisivo agli avversari. La LegaPro non regala un cordiale benvenuto ai "giganti", tanto da non perdonare l'unico errore della partita. L'esordio di Nicola Legrottaglie non può definirsi negativo, la squadra al suo primo impegno stagionale ha giocato a viso aperto. 

L'Akragas è stata l'unica squadra a non disputare amichevoli di livello nel pre-campionato; stessa storia per la Coppa Italia, i biancazzurri hanno giocato contro la Beretti delle squadre che hanno incontrato e battuto.

Il tecnico biancazzurro non ha per nulla rinunciato al gioco, le scelte di Legrottaglie non sono state scellerate. L'innesto Aveni ha dato uno sprint in più alla squadra, il siciliano ha idee e gamba. La difesa dell'Akragas ha tenuto bene, peccato per il ko di Ciro Capuano. Il difensore ha lasciato il campo e si teme una contrattura. Il centrocampo è apparso solido, Almiròn seppur ancora non al cento per cento, ha ispirato manovre offensive. L'attacco in alcune occasioni è apparso leggero e acerbo. L'Akragas si, è stata pericolosa ma in avanti Madonia e Savanarola servono come il pane.

Il Matera è stato pericoloso, ma i biancazzurri non hanno mai rischiato tantissimo. Il vantaggio dei padroni di casa è stata una sorta di doccia fredda che forse Legrottaglie non si aspettava.  Quando la gara era sotto controllo, arriva la fiammata che non ti aspetti e che ti fa tornare a casa con una sconfitta. Domenica in casa al "Provinciale" di Trapani, i biancazzurri affronteranno il Monopoli. Il tecnico akragantino chiederà più cinismo e cattiveria alle sue punte, sperando in un recupero lampo di uno tra Madonia e Savanarola. 

Gli allenamenti del "gigante" riprenderanno martedì, la LegaPro è avuto un avvio shock. Le grandi e le favorite hanno ceduto il passo alle rivali. Il Foggia è stato sconfitto dalla Paganese (2-1) e il Lecce è stato travolto dalla Fidels Andia (1-3). Le big partono male, il campionato è lungo e pieno di insidie, l'Akragas è la matricola che ha voglia di portare sulle spalle il ruolo di guastafeste. Il primo scivolone non ha fatto male, ma adesso tocca non ripetersi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento