menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Daniele Marino

Daniele Marino

Akragas - Reggina, biancazzurri beffati, la "sud" appalude

I padroni di casa hanno chiuso in vantaggio i primi 45 minuti, ma nella ripresa, in inferiorità numerica, si sono fatti raggiungere dagli ospiti

L’Akragas pareggia due a due contro la Reggina. Una partita ricca di emozioni, ma che ha regalato un finale amaro per i biancazzurri.

La squadra di Di Napoli raccoglie un punto, uno soltanto. L’Akragas ha chiuso la sfida in inferiorità numerica, causa un rosso diretto a Daniele Marino. La squadra nel finale è andata sotto la “Sud” ed ha ricevuto applausi. La Reggina non ha perso mai la calma, palleggio e pressing continuo, l’Akragas nel finale ha provato a recuperare, ma a vincere è stata la stanchezza.

PRIMO TEMPO
Salandria al 5' sfiora il vantaggio, con un pregevole tiro da fuori. La Reggina non si abbassa e si fa vedere in avanti, ma al 14' Marino battezza con un gol il suo esordio stagionale. Dalla bandierina si presenta Longo, abile Marino, ad insaccare di testa. Akragas uno, Reggina zero. I biancazzurri provano a controllare il vantaggio, Salandria e Pezzella dialogano bene. Al 32' erroraccio di Marino, è il capitano a fare un retropassaggio "killer" a Pane.
Il portiere smanaccia come può, atterrando Coralli. Per l'arbitro non ci sono dubbi: è rigore. Dal dischetto è il numero nove a tirare, palla da un lato e portiere dall'altro, i granata si riportano in partita.
L'Akragas prova a reagire, è Salandria ad accendere la "miccia". Il numero quattro suggerisce un pallone perfetto per Longo, il fantasista non riesce a far girare bene il pallone. Occasione sprecata. Al 40' Marino si fa perdonare, Longo suggerisce un buon pallone, Cocuzza non controlla, Carrotta l'arpiona suggerendo per il capitano, che indisturbato mette dentro: Akragas due, Reggina uno. Partita pazzesca, per il capitano dell'Akragas. Primo tempo terminato.

 SECONDO TEMPO
 La Reggina parte bene, è Coralli ad insidiare il vantaggio biancazzurri, ma Pane è provvidenziale. L’Akragas si affida alle incursioni di Salandria, il migliore oggi. E’ ancora Marino a combinare guai, il capitano commette un fallo su Oggiano, per l’arbitro è ultimo uomo: rosso diretto e Akragas in dieci. 
Partita dal doppio volto per Daniele Marino, il difensore esce tra gli applausi. Di Napoli correi ai ripari, il tecnico chiama in panchina Cocuzza, per Riggio. Al 16’ del secondo tempo è Zanini a comandare la discesa, fallo sul giovane per l’arbitro è simulazione: ammonito. Nel secondo tempo, saltano gli schemi, l’Akragas prova  a difendere come meglio può, affidandosi a Gomez. Al centravanti, l’arduo compito, di tenere alta la squadra. La squadra di Zeman ha un buon palleggio. Scrugli e Riggio si stringono in difesa, il terzino chiude come può gli spazi. Per la Reggina, fuori Cane dentro Maesano. E’ la Reggina a fare la partita, l’Akragas non riesce ad uscire dalla propria meta campo e gli ospiti cercano il pareggio. Al 32’ l’arbitro mostra il giallo in faccia a Salandria, il centrocampista battibecca con un avversario. Partita sontuosa per Salandria. Di Napoli si gioca la carta Cochis, chiamando dentro Gomez. Nel finale l’Akragas si fa beffare ancora, mischione in difesa, De Francesco mette dentro. I granata sfruttano la superiorità numerica e spiazzano Pane. Due minuti dopo, è Salandria a voler portare gloria, il centrocampista però spara sul portiere. Salandria, Scrugli e Pezzella tengono a galla a l’Akragas, con Pane che fa gli straordinari. La squadra di Di Napoli raccoglie un punto, il secondo in tre partite. 

DI NAPOLI IN SALA STAMPA

ALESSI IN SALA STAMPA


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento