Lunedì, 17 Maggio 2021
Earth Day Italia

I luoghi fatati di Agrigento: una riserva ricca fauna e fossili

La Riserva Naturale Monti fi Palazzo Adriano e Valle del Sosio, è uno dei luoghi più affascinananti della provincia. Ricchissima di una fauna stupenda è anche il sito con più reperti fossili dell'isola.

Tra i paradisi della nostra provincia incantevole e degna di nota è la la "Riserva naturale Orientata Monti di Palazzo Adriano e Valle del Sosio" Si estende sui comuni di Burgio, Bivona (Agrigento), e Palazzo Adriano, Chiusa Sclafani (Palermo). È stata istituita come riserva naturale orientata al fine di tutelare gli aspetti geologici e geopaleontologici di calcari compatti; i massi calcarei isolati contenenti fauna e flora fossile, gli aspetti botanici della formazione vegetale dei boschi e boscaglie e le essenze arboree e arbustive tipiche dell'entroterra siciliano, in cui vivono numerose varietà faunistiche. 


La gestione è affidata all'Azienda delle Foreste demaniali della Regione Siciliana. Le gole di calcareo, imponenti e profonde, tracciano e accompagnano il percorso del fiume Sosio verso valle. La flora variegata di boscaglie allinea successioni di Lecci, Roverelle e popolamenti di conifere e altre essenze. Numerose le specie animali che vivono nel territorio. Tra i mammiferi il Gatto selvatico e la Martora e tra i rettili la Vipera. Vari specie di uccelli, tipiche degli ambienti montani e collinari, volano tra le gole e le cime dei monti: l'aquila reale, il Nibbio reale, lo Sparviero, l'Allocco e il Codirossone. Altri rapaci più comuni abitano l'intera area: il Falco, pellegrino, il Lanario, il Ghebbio e il Grillaio. 


La vasta area della riserva naturale Monti di Palazzo Adriano e Valle del Sosio è ricca di fossili. Qui risiedono i fossili più antichi e preziosi di Sicilia, sedimentatisi e stratificatisi sin dall’epoca del Permiano e che vanno a costituire le rocce calcaree. Si tratta di foraminiferi, spugne, briozoi, brachiopodi, ammoniti, trilobiti e ostracodi, tutti animali marini vissuti in un braccio dell’arcaico oceano Tetide, progenitore del Mediterraneo attuale, che si incuneava nel continente della Pangea, prima che venisse frammentato nei continenti attuali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I luoghi fatati di Agrigento: una riserva ricca fauna e fossili

AgrigentoNotizie è in caricamento