menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Primo Maggio festa del lavoro

Le origini e la storia di una delle celebrazioni comuni a molti Paesi e che in questo periodo così difficile assume un significato ancora più importante

Domani sarà 1 Maggio ed ecco che ritorna sul calendario un altro giorno segnato in rosso e di festa che putroppo, visto il momento, non potremo festeggiare e condividere. E proprio questa ricorrenza, quella della festa del lavoro, ci ricorda proprio adesso quanto questo sia un valore fondamentale e imprescindibile per la dignità di ogni uomo, proprio adesso che sono tantissimi gli italiani che hanno perso il loro di lavoro o che comunque stanno vivendo un momento estremamente complesso.

Sono molti i paesi del mondo che il primo maggio di ogni anno si fermano per celebrare la Festa del Lavoro, nata come momento di lotta per i diritti dei lavoratori.

Ma qual è la storia di questa festività, così trasversale dal punto di vista geografico?

L'origine della ricorrenza è datata nella seconda metà del XIX secolo. I primi furono gli operai che protestarono rivendicando la riduzione dell'orario di lavoro a otto ore

Era il 1887 e in Illinois negli USA per la prima volta viene promulgata una legge che garantiva un massimo di ore lavorate per giorno, otto appunto. Furono giorni di fermento e di manifestazioni e Chicago

In Europa la ricorrenza del Primo Maggio viene ufficializzata nel 1889 con la Seconda Internazionale socialista di Parigi e ratificata in Italia due anni dopo. I fatti di Chicago avevano avuto eco fino nel Belpaese: in solidarietà ai lavoratori dell'Illinois, i livornesi erano insorti contro le navi statunitensi ancorate nel porto, e poi contro la Questura, accusata di aver offerto rifugio al console degli Stati Uniti.

Per arrivare a una legge sull'orario massimo di lavoro bisognerà aspettare però il decreto regio del 1923, convertito in legge nel 1925 che stabiliva appunto il limite in 8 ore giornaliere e 48 ore settimanali.

L'1 maggio 1955 papa Pio XII istituì la festa di San Giuseppe lavoratore, perché l'occasione potesse essere condivisa a pieno titolo anche dai lavoratori cattolici.

L'ultimo ventennio in Italia ha visto questa ricorrenza come un'occasione per l'organizzazione di manifestazione di piazza, cortei e concerti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento