Arriva Halloween, la notte più paurosa dell'anno

Origine e storia della festa delle streghe, dei fantasmi e delle zucche

Sta per avvicinarsi la notte più spaventosa dell’anno, il 31 Ottobre sarà Halloween, la notte dei morti viventi, così la chiamano i fedelissimi di questa ricorrenza.

In realtà per gli italiani, e soprattutto noi siciliani è la festa di Ogni Santi o meglio ancora la festa dei Morti, la ricorrenza che celebra ogni anno la memoria dei defunti.

Ma allora streghe, zucche, zombie e fantasmi? Quale è la loro origine?

Halloween ha origini pagane che risalgono all’antica festa di fine estate, detta anche Samhain, celebrata proprio il 1 Novembre.

La notte della vigilia era consuetudine spaventare le anime diaboliche con enormi fuochi appiccati sulle cime delle colline. In realtà era anche l’occasione per riportare a case le mandrie dai pascoli estivi e rinnovare le distese erbose.

Con il tempo prese il sopravvento l’aspetto più esoterico e sinistro: si riteneva che nella notte sarebbero tornate le anime dei morti e la festa dell’autunno si trasformò nel festival delle streghe e dei fantasmi. Gli irlandesi avevano inoltre un altro rito, svuotare una grande rapa e inciderla con il volto di un demone per poi illuminarla dall’interno con una candela a protezione della propria casa. Immigrati in America, non trovarono rape ma solo zucche. Ecco perché ancora oggi negli Stati Uniti si usano le zucche. Ed ecco qui dunque questa usanza che ormai ha preso piede anche in tutta Europa, di incidere le zucche, che poi sono un po’ il simbolo di questa festa.

Ogni anno montano sempre di più le polemiche sulla dicotomia tra questa festa pagana e la nostra tradizione cristiana di celebrare Ogni Santi, di certo però c’è che Halloween è attesa da tutti quanti, tanto da essere ormai come Natale e Pasqua una ricorrenza non solo festiva ma anche commerciale, con feste da organizzare, gadget e tutto il commercio che ne deriva.

E voi che farete? Dolcetto o scherzetto?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

  • La tempesta tiene in ostaggio la provincia, è allerta "arancione": ecco dove resteranno chiuse le scuole

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento