rotate-mobile
Amarcord

Un tuffo negli anni Ottanta ed un lungo abbraccio 35 anni dopo: cena piena di ricordi tra le “ex ragazze” del Politi

Hanno varcato il portone del “Magistrale” di via Acrone nel 1984 e oggi qualcuna di loro è addirittura nonna

Momento di grande emozione per Angela Maria La Longa, Caterina Zambito, Carmelina Giordano, Elvira Cascio, Antonella Pisano, Antonella Funtucchio, Ninetta Traversa e Oriana Cino: tutte studentesse dell’istituto magistrale “Raffaello Politi” di Agrigento che si sono riviste dopo ben 35 anni dalla maturità in un ristorante di San Leone.

Per loro, dal 1988 al 2023, è stato un “salto” temporale notevole che le ha proiettate in una marea di ricordi e aneddoti legati all’adolescenza.

Una cena che si è conclusa con una torta, come se fosse un compleanno: il 35esimo anniversario di un’amicizia mai scalfita. Un gruppo tutto al femminile al quale si è aggiunta virtualmente, non potendo essere presente, anche Cinzia Patti.

“Molte di noi - raccontano - non sono presenti fisicamente ma solo con il cuore. Eppure il legame è sempre fortissimo: in questi 35 anni  noi ragazze della IV G abbiamo mantenuto contatti, ottimi rapporti, e alcuni piccoli gruppi hanno vissuto anche esperienze comuni come studio, gruppi Whatsapp, eventi familiari importanti come matrimoni e purtroppo anche funerali. Tra noi è stata sempre alimentata un'amicizia matura, consapevole, caratterizzata da quei valori che abbiamo appreso sui banchi di quell'odiato/amato ‘Magistrale’. Abbiamo valicato quel mitico portone del ‘Politi’ a 14 anni, nel 1984. Adesso siamo mamme, qualcuna anche nonna, docenti di scuola dell'infanzia, primaria e secondaria ad eccezione di una chef e di una poliziotta.

Oggi siamo abbastanza mature per comprendere che quelle lunghe mattinate afose o nuvolose, trascorse ad ascoltare in religioso silenzio le lezioni di latino, matematica, italiano, storia, chimica sono servite non solo ad apprendere ma ad ad imparare a ‘vivere’ come adulti, a riconoscere i valori della solidarietà, del rispetto, dell'accoglienza, della lealtà. Sedute in quelle sedie, che a volte rovinavano i collant, abbiamo compreso i nostri limiti e le nostre capacità. E la scuola degli anni ' 80 sottolineava più i limiti che le effettive capacità. Siamo state abbastanza forti, in qualche caso sostenute dai familiari, per fare delle scelte più grandi delle nostre aspettative. C’era anche sana competizione che ci dava la forza di andare avanti quando a tarda sera, dalla cucina, sentivamo il suono della tv, di una sigla tanto amata a cui bisognava rinunciare. Un infinito grazie va ai nostri professori, molti dei quali purtroppo non ci sono più, ma di cui conserviamo il ricordo, persino le battute che facevano e soprattutto il timbro di voce e il metodo d'insegnamento”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un tuffo negli anni Ottanta ed un lungo abbraccio 35 anni dopo: cena piena di ricordi tra le “ex ragazze” del Politi

AgrigentoNotizie è in caricamento