rotate-mobile
social

L'Albero di Natale tra storia e curiosità oggi è social: gli scatti nell’Agrigentino

Da Realmonte a Palma di Montechiaro l'antica tradizione, cominciata dai druidi, impazza sulle pagine Facebook

Semplice, luminoso, originale, essenziale o super addobbato e chi più ne ha più ne metta. Per Natale città e provincia si vestono a festa e non può mancare lui: l’albero di Natale, simbolo indiscusso delle festività.  

Ma qual è l’origine la sua origine? Si fa risalire ad un’antica tradizione di origine celtica. I druidi infatti consideravano l’abete metafora di lunga vita e in inverno lo addobbavano con nastri e fiaccole, consuetudine che veniva praticata anche dai vichinghi. L’albero di Natale venne poi accolto dal Cristianesimo in riferimento alla scena biblica dell’Eden. Il primo albero si fa risalire al 1441 in Estonia, le attestazioni successive di alberi di Natale, cosi come li conosciamo,  le troviamo  nel 1510 in Lettonia e nel 1570 in Germania. Ma al di là delle origini  senza dubbio oggi l'albero di Natale è sempre più social. Dai più lucenti ai più originali nelle pagine delle Amministrazioni comunali gli scatti impazzano, con piogge di like, condivisioni e piogge di commenti.

E mentre in città in piazza Stazione spicca l’albero principale proveniente dall'area boschiva di Grotte,  in provincia tra i più originali c’è sicuramente l’albero all’uncinetto di Realmonte, un’esplosione di colori, una vera opera d’arte a cielo aperto in piazza Umberto I, realizzata grazie al lavoro delle mani sapienti di circa 50 donne realmontine. 

Accensione, l’8 dicembre,  anche a Palma di Montechiaro con l’albero immortalato nella pagina social del sindaco Stefano Castellino. Una pioggia di oro con una luminosa stella bianca crea in un gioco di colori  un albero in cui essenzialità ed eleganza sono predominanti, albero questo che ha incantato i presenti e il popolo social tra commenti e condivisioni.

“Tornare a vivere il Natale, fatto di luci, di profumi, di suoni è una gioia di cui tutti abbiamo bisogno, soprattutto i bambini”, scrive invece il sindaco di Siculiana Peppe Zambito. Il borgo si illumina di luci e festa con l'albero in blu in cui spiccano le grandi stelle, non manca una riproduzione del simpaticcismo Olaf, pupazzo di neve del celebre film di animazione la Regina di ghiaccio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Albero di Natale tra storia e curiosità oggi è social: gli scatti nell’Agrigentino

AgrigentoNotizie è in caricamento