rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
I numeri

Salute, tumore alla prostata il più diffuso nei siciliani: 2.230 nuovi casi all'anno

L'incidenza media ad Agrigento è del 52,1%. Il professor Vincenzo Adamo, coordinatore della Rete oncologica siciliana (Reos): "Un siciliano ogni 10 ha il rischio teorico di avere una diagnosi di questo tipo nel corso della sua vita, dalla nascita agli 84 anni, con picchi tra 70 e 74 anni"

Con 2230 nuovi casi in media, 744 decessi e 1969 ricoveri l’anno il tumore alla prostata è il più frequente tra gli uomini siciliani e rappresenta il 17,3% dei carcinomi. In termini di tasso standardizzato l’incidenza media regionale è 65,2%: i numeri più alti si registrano a Siracusa (74,7%) e Catania (72,9%), seguono Ragusa (65,7%), Enna (65,3%), Messina (64,5%), Palermo (64%), Caltanissetta (55,7%), Trapani (54,9%) e Agrigento (52,1%).

"Un siciliano ogni 10 ha il rischio teorico di avere una diagnosi di questo tipo nel corso della sua vita - spiega il professor Vincenzo Adamo, coordinatore della Rete oncologica siciliana (Reos) - dalla nascita agli 84 anni con picchi tra 70 e 74. In Italia nel 2021 contiamo 7.200 morti, con una sopravvivenza a 5 anni del 91% e 564 mila con questa diagnosi; nel 2020 sono 36mila i nuovi diagnosticati grazie allo screening precoce che consiste nel dosaggio del Psa, esame digitorettale, ecografia prostatica e biopsia sotto guida ecografica".

Questi argomenti saranno approfonditi in occasione del convegno itinerante "Il carcinoma della prostata oggi… tra percorsi diagnostico-terapeutici corretti e innovatività", che toccherà le città di Messina, Palermo ed Enna con l’obiettivo di accendere i riflettori grazie ad una corretta informazione sui percorsi diagnostici terapeutici e sulle innovazioni terapeutiche di recente acquisizione.

"Nella nostra Regione - aggiunge il dottor Nicolò Borsellino, referente Reos Pdta carcinoma della prostata - la recente approvazione del Percorso diagnostico terapeutico assistenziale frutto del lavoro del coordinamento della rete oncologica siciliana, ha portato alla costruzione di una piattaforma web based, denominata Prosithe, che sarà presto attiva e consentirà a tutti i centri di accedere alla scheda registrando gli indicatori del Pdta prestabiliti; la rete dei centri specialistici assicura ai pazienti una cura secondo principi di qualità, dignità, sicurezza, multidisciplinarietà solidarietà e formazione".

Nei tre appuntamenti (all’hotel Royal di Messina mercoledì 16 novembre; all’hotel La Torre di Palermo mercoledì 30 novembre e al Federico II Palace hotel di Enna mercoledì 14 dicembre), organizzati da Motus Animi (tel 0832-521300, info@motusanimi.com) e rivolti ad oncologi, urologi, radioncologi, anatomopatologi, genetisti, medici nucleari, mmg, biologi molecolari, psiconcologi, farmacisti ospedalieri, è prevista una parte iniziale con delle letture di competenza urologica e oncologica orientate a rappresentare le novità più importanti degli ultimi anni, la presentazione di tre casi clinici.

Infine una tavola rotonda gestita da un esperto della comunicazione in sanità con il coinvolgimento di diversi specialisti, associazioni pazienti e medici di medicina generale come riferimento delle aree di prossimità e territoriali.

Fonte: Palermo Today

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute, tumore alla prostata il più diffuso nei siciliani: 2.230 nuovi casi all'anno

AgrigentoNotizie è in caricamento